Messina. “Operazione stangata”, sgominato clan che operava tra il rione Giostra e il centro della città. Arrestate 25 persone

MESSINA – I carabinieri del Comando Provinciale di Messina hanno smantellato due reti di spacciatori che operavano tra il quartiere di Giostra e il centro città ed avevano solidi rapporti con il gruppo catanese dei fratelli Cuscani, dal quale si rifornivano di hashish, marijuana e cocaina.
Venticinque le persone arrestate, cinque delle quali andate ai domiciliari, che facevano capo in particolare a Francesco Ballarò e a Domenico Bonasera. Il gruppo spacciava nel quartiere Giostra e nel centro della città, persino davanti al municipio.
Le indagini erano state avviate all’inizio del 2007, dopo l’operazione Officina che aveva fatto emergeva la figura di Francesco Ballarò.
All’operazione hanno partecipato complessivamente oltre 100 militari dell’Arma.
L’indagine del Reparto Operativo è stata coordinata dal sostituto procuratore Giuseppe Verzera che ha chiesto e ottenuto dal Gip Daria Orlando i 25 mandati d’arresto. Questi gli arrestati:
¬Gruppo Ballarò: Francesco Ballarò, di anni 32; Claudio Caporlingua, di anni 21; Domenico Batessa, di anni 33; Gianluca Siavash, di anni 21; Agostino Alberto, di anni 24; Paolo Toro, di anni 27; Letterio Calarese, di anni 31; Nicola Mantineo, di anni 29; Giuseppe Coppolino, di anni 28.
Gruppo Bonasera: Domenico Bonasera, di anni 31; Giovanni Vincenzo Rò di anni 25.
Gruppo Cuscani: Giuseppe Cuscani, di anni 32; Roberto Cuscani, di anni 27; Filippo Abramo, di anni 44; Daniel Allegra, di anni 26; Domenica Greco, di anni 27.
Altri spacciatori: Angelo Cannavò, di anni 28; Francesco Rotondo, di anni 31; Marco Rotondo, di anni 28; Angela Battaglia, di anni 29; Fabio Marzullo, di anni 46; Anthony John Mancuso, di anni 38; Massimo Venuto, di anni 42; Salvatore Arena, di anni 29; Santo Costa, di anni 42.
Hanno ottenuto gli arresti domiciliari: Daniel Allegra, Domenica Greco, Salvatore Arena, Santo Costa e Giuseppe Coppolino.

Leave a Response