Furci. Finanziati due progetti, per la sistemazione della cavea e servizi socioassistenziali

FURCI – Due progetti per la sistemazione della cavea della villa Comunale Furci-verde e il miglioramento dei servizi socio-assistenziali, saranno realizzati grazie ad un contributo erogato dalla Regione. “La somma è purtroppo esigua – spiega il sindaco, Bruno Parisi”, il quale ha evidenziato che potranno essere spesi complessivamente 35mila e 993 euro, su una richiesta che il Comune aveva avanzato per un ammontare di 440mila euro. L’esecutivo municipale ha approvato con una delibera la rimodulazione dei due progetti, destinando alla manutenzione dell’anfiteatro e alla messa a norma dell’impianto di illuminazione circa 20mila euro. I rimanenti 15mila saranno invece devoluti a coprire le spese dei soggetti disabili furcesi al momento ricoverati in varie strutture specializzate. L’amministrazione comunale ha intenzione di integrare il finanziamento del 10%, che andrebbe a gravare sul Bilancio. Per quanto concerne l’intervento alla cavea, il progetto è stato redatto dall’ufficio tecnico comunale. Dovranno essere messi in sicurezza gli impianti di luce, acqua e condotte di scarico. L’obiettivo degli amministratori furcesi è di mettere a punto l’impianto entro la prossima estate, quando la villa sarà presa d’assalto da residenti e vacanzieri. Lo scorso anno l’area del parco è rimasta al buio, con i disagi che ciò comportava per quanti intendevano fruirne per una passeggiata serale. Di recente è stata effettuata una pulizia straordinaria, in occasione di una Via crucis interparrocchiale. Altra nota dolente, i bagni pubblici. Nonostante siano stati ripristinati in più occasioni dalla pubblica amministrazione, vengono puntualmente rovinati dai soliti incivili. Sarebbe certamente utile un maggiore senso civico e di rispetto per le opere pubbliche. Sindaco e giunta hanno comunque altri due importanti nodi da sciogliere e riguardano il palazzetto dello sport, chiuso alla fruizione della locale squadra di pallavolo in quanto dichiarato dai tecnici comunali inagibile e il Centro diurno, che necessita di una importante opera di restyling. Per il palazzetto il sindaco Parisi ha dichiarato che “l’unica strada percorribile è un mutuo da 150mila euro. Per il Centro diurno, invece, si sta pensando di fare ricorso ai cantieri di lavoro”.

Leave a Response