Itala, al via le celebrazioni per l’anno Giacobeo

ITALA – Sono entrate nel vivo anche ad Itala Marina le celebrazioni in occasione dell’Anno santo Giacobeo. Una delegazione di oltre cento fedeli, accompagnata dal sindaco Antonio Miceli e dal parroco, padre Adrian, si è recata domenica scorsa a Camaro Superiore nella chiesa S. Maria dell’incoronata per varcare la Porta Santa e  giungere ai piedi del fercolo di S. Giacomo (preziosa vara argentea del 1600, opera dei fratelli Juvarra) per venerare la sacra reliquia in esso custodita. La delegazione è stata accolta alle porte di Camaro dalla confraternita di S. Giacomo maggiore apostolo e da mons. Antonino Cento, parroco della comunità messinese. Da lì si è snodata sino in chiesa una processione con il quadro di S. Giacomo che viene custodito nella chiesa di Itala Marina, dato in consegna alla Confraternita sino al prossimo 15 luglio quando l’effigie farà ritorno nella cittadina jonica. Contestualmente giungerà ad Itala la vara argentea di S. Giacomo, nell’ambito dei solenni festeggiamenti in onore del Patrono che culmineranno il 25 luglio. Il pellegrinaggio a Camaro Superiore, per il quale si è fortemente prodigato l’architetto Carmelo Miceli, è stato scandito da inni e canti e si è concluso con la celebrazione della Santa Messa, officiata   da padre Adrian. L’Anno Santo ha una cadenza regolare: si celebra ogni 6, 5, 6 e 11 anni, quando la festa di S. Giacomo, che ricorre il 25 luglio, cade di domenica. Le celebrazioni hanno preso il via il 31 dicembre scorso nella cattedrale di Santiago de Compostela, meta di migliaia di fedeli e pellegrini di tutta Europa e degli altri continenti, i quali vanno a pregare su quella che tradizionalmente è ritenuta la tomba dell’apostolo Giacomo. Il rito dell’apertura della Porta Santa Jacobea ha avuto luogo anche a Messina (città gemellata con Santiago de Compostela), lo scorso 23 gennaio, a Camaro Superiore, ed è stata presieduta dall’arcivescovo della città dello Stretto, mons. Calogero La Piana.

Leave a Response