Alluvione del 1. ottobre. Panarello (Pd): “Finiti i soldi per fronteggiare l’emergenza”

“I soldi per fronteggiare l’emergenza seguita alla frana di Giampilieri e Scaletta sono finiti, l’allarme lanciato dalla Protezione Civile non lascia spazio ad interpretazioni. Dunque, malgrado le ripetute rassicurazioni di Berlusconi e di Bertolaso, fino ad ora il governo nazionale non ha erogato le risorse che erano state promesse per mettere in sicurezza e ricostruire i centri interessati”. Lo ha detto Filippo Panarello, deputato regionale PD, al termine dell’audizione in commissione Territorio e Ambiente all’assemblea regionale siciliana del dirigente della Protezione Civile Pietro Lo Monaco, intervenuto per fare il punto sulla gestione dell’emergenza nelle aree del Messinese interessate dalla frana dello scorso primo ottobre.
“A quasi sei mesi di distanza dall’alluvione ulteriori ritardi sarebbero intollerabili anche perché se si ‘facesse passare invano il periodo primaverile ed estivo, rischiamo di trovarci il prossimo autunno con l’ansia che nuove piogge possano aggravare la situazione per gli sfollati come per chi è rientrato nelle proprie abitazioni.
La Regione – ha aggiunto Panarello – ha chiesto al governo nazionale di poter utilizzare, nell’immediato, i fondi Fas, ma ancora non ha avuto risposta. Bisogna potere utilizzare queste risorse, servono risposte certe sui tempi e le modalità di erogazione anche per confutare la sensazione che questa vicenda sia considerata al pari di una ‘tragedia di serie B’ e non meriti l’intervento che il governo nazionale ha messo in campo in altre occasioni simili. Mi auguro che in questa battaglia per il ritorno alla normalità e alla sicurezza dei centri coinvolti, si possa trovare una spinta unanime al parlamento nazionale da parte di tutti i parlamentari siciliani e in particolare di quelli messinesi”.
Panarello ha infine chiesto al presidente della Regione Raffaele Lombardo di intervenire in aula, all’Ars, per informare il parlamento sull’utilizzo delle risorse e sugli interenti effettuati e da effettuare. 

Leave a Response