Messina. Carabinieri in azione in città e provincia: 6 arresti per reati vari

MESSINA –  I carabinieri della Stazione di Camaro Superiore in ottemperanza di ordine di esecuzione emesso dalla Procura della Repubblica presso Tribunale di Messina, hanno tratto in arresto la 70enne Anna Maria Pistorino ed il 39enne Armando Manuguerra, entrambi messinesi e con precedenti di polizia. La Pistorino deve espiare una pena residua di mesi 4 di reclusione per il reato di evasione. I fatti risalgono al 2004 allorquando la donna era sottoposta agli arresti domiciliari per i reati di furto, violazione di domicilio e calunnia. Managuerra invece deve scontare una pena residua di anni 1 e mesi 4 di reclusione perché riconosciuto colpevole del reato di ricettazione commesso a Messina nel mese di gennaio 1998. La donna, come disposto dall’Ag, è stata associata nel carcere di Gazzi, mentre Managuerra è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari.
I carabinieri della Stazione di Messina-Tremestieri hanno tratto in arresto in flagranza del reato di evasione, il 26enne messinese Costantino Crupi, sottoposto dal Tribunale di Messina agli arresti domiciliari presso una Casa di accoglienza della città poiché riconosciuto colpevole dei reati di resistenza a pubblico ufficiale e violenza privata, aggravati dall’uso delle armi, per fatti avvenuti a Messina nel 2009. L’uomo, nella serata dello scorso 4 marzo si era allontanato dall’istituto rendendosi irreperibile. I carabinieri lo hanno rintracciato presso la stazione marittima di Messina mentre sbarcava da una nave traghetto proveniente da Villa San Giovanni. Crupi è stato trattenuto in camera di sicurezza in attesa del rito direttissimo odierno.
Nella mattinata di ieri a Furnari, i carabinieri della locale Stazione hanno arrestato, in ottemperanza di ordine di esecuzione per espiazione pena detentiva in regime degli arresti domiciliari, emesso dalla Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto la 58enne Maria Cerami, originaria di Calatabiano, residente a Furnari, con precedenti di polizia. La donna deve espiare una pena di anni 1, mesi 2 e giorni 28 di reclusione per sfruttamento della prostituzione in concorso, per fatti commessi a Furnari nel primi mesi del 1995. La Cerami ha beneficiato degli arresti domiciliari.
I carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Patti, hanno tratto in arresto in flagranza di reato il tunisino Abdallah Mabrouki, 39 anni, senza fissa dimora, poiché fermato nei pressi della Stazione ferroviaria di Patti benché avesse a suo carico tre ordini di espulsione, dai questori di Teramo, Napoli e Ascoli Piceno. Il tunisino è stato trattenuto in camera di sicurezza nella caserma dell’Arma in attesa del processo con rito direttissimo.
I carabinieri della Stazione di Piraino hanno tratto in arresto Rosario Bartolone, 40 anni, originario di Barcellona P.G., già noto alle forze dell’ordine, e la sua convivente S.T.P 30 anni, originaria di Sant’Angelo di Brolo. I due, nell’abitazione in cui convivono, ubicata in via S.M. del Tindari a Piraino, avevano escogiato un sistema per l’allacciarsi abusivamnte all’acquedotto comunale. Per Bartolone e la sua convivente sono scattate le manette per furto aggravato.

 

Leave a Response