Taormina Arte, i revisori dei conti bocciano la delibera di Giunta. Domani il sindaco in aula

Giuseppe Monaco

TAORMINA – “Domani, come ho già detto, sarò in aula nel corso della prevista riunione di Consiglio. In più, nella riunione che precederà la seduta, gli avvocati che hanno dato alla Giunta il parere legale che è a supporto della delibera che riguarda l’istituzione della Fondazione Taormina Arte illustreranno ai consiglieri le basi delle loro deduzioni. Con questa iniziativa, certamente, penso si possa fare luce su questo caso. Evidentemente, alla fine, ognuno, al momento delle decisioni, trarrà le proprie conclusioni”. E’ questa la notizia che il sindaco, Mauro Passalacqua, lancia alla vigilia di una sessione consiliare che, stando alle previsioni ed a quanto si è detto e letto in questi ultimi giorni, si prevede molto calda, forse incandescente. Non è solo questa l’iniziativa che il primo cittadino ha intenzione di portare avanti proprio per definire la questione TaoArte. “Siamo di fronte –spiega- ad un punto cruciale per la vita di Taormina e, quindi, credo necessario compiere tutti gli atti opportuni per sensibilizzare la classe politica regionale sul caso TaoArte”. In quest’ ottica, Passalacqua ha deciso di coinvolgere l’intera deputazione della provincia di Messina a Palazzo d’Orleans. “Sto finendo di scrivere –spiega- una lettera per invitare tutti i parlamentari siciliani della nostra provincia a prendere coscienza della questione. Scriverò, entro questa settimana, a tutti, senza distinzione di colore politico, per chiedere un sostegno reale per la manifestazione che è un bene di Taormina ma anche un patrimonio dell’intera Sicilia. Chiederò, tra l’altro, alla deputazione messinese di verificare il valore del contributo regionale per la manifestazione di Taormina: quasi un mese e mezzo di spettacoli ed eventi. Credo che Taormina meriti di più di quanto sinora le è stato assegnato. A questo proposito, ricordo che altre località siciliane per iniziative che si concludono in tre giorni o poco più, ricevono di più di noi. Inoltre, nella lettera, farò presente che il Comitato (comuni di Messina e Taormina e provincia regionale di Messina) ha già quasi pronto un calendario di qualità che, se attuato, non mancherà di richiamare sulla Sicilia l’attenzione degli appassionati e del mondo turistico a livello nazionale ed internazionale”.  L’opposizione consiliare, ma non solo, intanto, continua a criticare l’iniziativa della giunta di Palazzo dei Giurati. La contestazione deriva dal fatto che nello statuto varato non è stata coinvolta, in maniera conveniente, la Regione Siciliana. “Le cose non stanno per niente in questa maniera. Noi invitiamo la Regione a prendere posizione indicando i suoi rappresentanti in seno alla Fondazione. Nessuno ha mai pensato di tenere fuori il governo regionale”.  Intanto, però, proprio la delibera di giunta “incriminata” è stata cassata dai revisori dei conti sostenendo che questo tipo di iniziative non possono essere definite dalla giunta municipale ma che sono, invece, prerogativa esclusiva del Consiglio comunale.  Un passaggio che Passalacqua così commenta: “Una delibera che abbiamo varato senza avere il prosciutto sugli occhi. Quello dei revisori è, sicuramente, un parere autorevole ma niente di più. I revisori hanno detto la loro ma le loro osservazioni, sicuramente, non sono determinanti. Il loro parere, a quanto mi risulta, è stato richiesto, legittimamente, dal presidente del Consiglio comunale”.

Leave a Response