Fiumedinisi. Accoltellò al torace il rivale in amore, processo rinviato per Eros Ossi accusato di tentato omicidio

MESSINA – E’ stato rinviato al prossimo 23 aprile il processo che vede imputato il 18enne di Fiumedinisi Eros Ossi, che deve rispondere della pesante accusa di tentato omidicio. Ossi, il 3 luglio dell’estate scorsa, aveva accoltellato sul lungomare di Alì Terme il suo rivale in amore. La vittima, uno studente diciassettenne di Santo Stefano Briga, che aveva osato intrecciare una relazione sentimentale con l’ex fidanzatina di Ossi, una ragazzina di Alì Terme. I giudici della I sezione penale del Tribunale di Messina hanno aggiornato l’udienza al prossimo aprile quando il pm, Maria Pellegrino, avanzerà alla Corte le sue richieste. Sarà poi la volta del difensore del giovane dopodiché i giudici emetteranno il verdetto.
Eros Ossi, che deve rispondere anche di porto illegale d’arma, era stato arrestato dai carabinieri di Alì Terme poco dopo la mezzano del 3 luglio scorso. I militari dell’Arma erano intervenuti dopo una segnalazione telefonica con la quale era stata segnalata una violenta rissa. Il giovane fiumedinisano, stando alle indagini, aveva aggredito il minorenne messinese colpendolo con un coltello che gli aveva provocato una ferita torace. Ossi dopo qualche ora era stato arrestato nella sua casa di Fiumedinisi.

Leave a Response