S. Teresa, nuovi servizi sanitari agli anziani grazie ad una convezione tra Comune e Croce Rossa

S. TERESA – Gli anziani di S. Teresa di Riva potranno contare su un nuovo importante servizio, grazie ad una convenzione firmata  in municipio tra il Comune e la Croce Rossa italiana (sede di Roccalumera). I volontari saranno presenti nella cittadina jonica ogni settimana nei locali dei due centri diurni cittadini: il primo giovedì del mese nella sede di piazza S. Vito, nella popolosa frazione Misserio; tutti gli altri nel plesso che sorge al centro, nel quartiere Bucalo. Gli operatori della Croce Rossa sono a disposizione per la misurazione della pressione arteriosa e delle glicemia ma anche per tutta una serie di servizi che saranno illustrati nei prossimi giorni nel corso di un incontro che gli amministratori comunali organizzeranno con gli anziani della cittadina jonica. La convenzione è stata firmata dal sindaco, Alberto Morabito, e dall’ispettore (al momento commissario della sezione di Roccalumera), Filippo Isaia, accompagnato da numerosi operatori. Presenti tra gli altri il vice presidente del Consiglio, Trimarchi, il consigliere Pablo Spadaro e l’assessore Carmelo Sturiale. “E’ per noi un onore – ha detto il primo cittadino – ospitare a S. Teresa di Riva la Croce Rossa ed è di fondamentale importanza offrire ai nostri anziani un servizio qualificato. L’auspicio – ha proseguito il sindaco Morabito – è che questo sia solo il primo passo verso una politica mirata in favore della terza età, che è intendimento di questa amministrazione mettere in atto nel prossimo futuro”. Il servizio, come evidenziato, è prevalentemente mirato agli anziani. Anche se l’attività della Croce rossa roccalumerese spazia su più fronti.  A Roccalumera, dove l’iniziativa è stata avviata e collaudata da anni, gli operatori della Croce rossa fanno anche da supporto alle attività ginniche degli anziani. E partecipano con grande professionalità alle operazioni di Protezione civile, e non solo del comprensori ma anche fuori dalla Sicilia.

Leave a Response