Messina. Società partecipate dalla Provincia, mozione dei consiglieri Udc-Centro con D’Alia

MESSINA – I consigleri provinciali Matteo Francilia e Nino Summa sono i primi firmatari di una mozione sottoscritta da tutti colleghi dell’Udc Centro con D’Alia, indirizzata ai presidenti del Consiglio e della Giunta provinciale sulle società partecipate. Un atto con il quale si impegna il presidente Nanni Ricevuto a procedere alla presentazione dell’invocata proposta ex legge 244/07 ed a predisporre tutta l’attività necessaria perché venga ristabilita la normale attività delle Società e degli Enti a proposito della costituzione degli organi direttivi ed al superamento delle gestioni commissariali”. Viene specificato che “la Provincia regionale di Messina partecipa a numerose società ed Enti di diritto pubblico e ha diritto alla designazione dei componenti degli organi direttivi, al fine di garantire il corretto svolgimento delle attività degli stessi; Che la Provincia, a diverso titolo, partecipa in società a capitale interamente o prevalentemente pubblico. Pertanto ai sensi e per gli effetti della legge 244/2007 la Provincia regionale di Messina deve provvedere ad una ponderata valutazione in ordine alle finalità per verificare la sussistenza attuale dell’interesse alla permanenza nelle società medesime. Inoltre, l’ente intermedio, a diverso titolo, partecipa in Enti di diritto pubblico. Ad oggi nessuna proposta è stata presentata al Consiglio Provinciale in tal senso, nonostante gli annunci giornalistici, sicché diviene indispensabile rilevare l’esigenza di sollecitare l’Amministrazione Provinciale e per essa il Presidente Ricevuto perché provveda ad integrare i Consigli di Amministrazione ad oggi surrogati con nomine commissariali (o rette da Commissari) ed a presentare per tempo al Consiglio provinciale la proposta di cui alla normativa richiamata per consentire il normale svolgimento dell’attività del Consiglio provinciale e la verifica delle reali condizioni in cui versano le società e gli enti in questione. Viene infine specificato che in Provincia di Messina vi sono numerosi Enti commissariati, per cui l’attività degli stessi risulta gravemente penalizzata per la carenza di rappresentatività, compromettendone l’attività a danno delle esigenze del territorio”.

Leave a Response