Messina. In ginocchio la riviera ionica: pioggia battente, raffiche di vento e mare in tempesta. A Tremestieri evacuate 50 persone

MESSINA –  La protezione civile ha evacuato 50 persone nel villaggio Tremestieri a causa delle forti mareggiate che hanno eroso 200 metri di spiaggia. L’acqua ha invaso via Carbonara rendendola inagibile. Per domani c’è allerta meteo per pioggia e mareggiate e quindi è stato deciso in via precauzionale di confermare l’ordinanza di sgombero e non far rientrare le persone evacuate.. Molti hanno trovato ospitalità da parenti e amici, altri sono stati sistemati nella palestra di Mili, che  fu utilizzata per la tragica alluvione che devastò Giampilieri e Scaletta Zanclea.

E dalla scorsa notte maltempo anche sui paesi del versante ionico della provincia ionica con raffiche di vento, pioggia e mare forza 7. Le onde hanno raggiunto i lungomari tra Alì Terme e Giardini Naxos, trasporatando sulla sede stradale sabbia e pietre e altro materiale. A Scaletta Zanclea le onde, penetrando dai vicoli che portano sulla spiaggia, hanno invaso in alcuni punti la centrale via Roma. Situazione molto crtica a S. Alessio Siculo dove la barriera soffolta a difesa dell’abitato non è stata ancora realizzata a distanza di anni dall’inizio dei lavori. Le gigantesche onde hanno allagato il lungomare alessese rendendolo impraticabile e penetrando poi nei vicoli che si collegano alla statale nel tratto urbano. A Furci Siculo, Roccalumera,  Alì Terme e Santa Teresa di Riva sono stsati chiusi i lungomari trasformatisi in una vera piscina cosparsa di sabbia e detriti. Tutti i torrenti che si riversano in mare sono in piena. Operai dell’Enel  al lavoro per ripristinare le linee elettriche danneggiate dal vento. Anche i telefoni sono andati in tilt in molti paesi. A Taormina mare, nella zona di Mazzeo, i soliti problemi derivanti dalle mareggiate. Da Alì Terme a S. Alessio Siculo, nonostante i divieti, viene raccomandato agli automobilisti di non avventararsi sui lungomari..Numerose strade di penetrazione agricola sono rimaste allagate per l’incessante pioggia, mentre su alcune provinciali ci sono stati dei piccoli smottameti che hanno creato qualche problema. Difficoltà a Messina  per quanto riguarda i collegamenti con le isole e la Calabria. Le navi traghetto sono rimaste bloccate nell’approdo di Tremestieri causando una lunga fila di camion. Sulla autostrada Messina-Catania traffico difficoltoso per la violenza del vento. A Giampilieri, uno dei centri più colpiti dal’alluvione del 1. ottobre, stanotte sono scattate le sirene dopo alcune ore di intensa pioggia per allertare la popolazione. La situazione meteo, per quanto riguarda pioggia e vento, è migliorata nel pomeriggio ma il mare in tempesta, le cui onde hanno raggiunto i 6-7 metri, continua a flagellare la costa.

Leave a Response