S. Teresa. Comune- Croce Rossa, via libera della Giunta alla convenzione che sarà firmata in settimana

S. TERESA DI RIVA c.casp.) – La Giunta comunale ha approvato la convenzione con La Croce rossa italiana (sede di Roccalumera), grazie alla quale i volontari del soccorso presteranno la propria opera nei centri diurni che sorgono sul territorio comunale. Il servizio è prevalentemente mirato agli anziani. Anche se l’attività della Croce rossa roccalumerese spazia su più fronti. Adesso si attende solo la firma tra le parti del protocollo d’intesa, che avverrà nei prossimi giorni. L’attività potrebbe avere inizio già entro la fine del mese o, al massimo, all’inizio di febbraio. L’amministrazione comunale, prima che ciò avvenga, organizzerà un incontro pubblico, al quale saranno invitati tutti gli anziani della cittadina jonica, durante il quale saranno illustrati, nei dettagli, i servizi di cui potranno usufruire. Primi fra tutti il controllo della pressione e della glicemia. A Roccalumera, per fare un esempio, dove l’iniziativa è stata avviata e collaudata da anni, gli operatori della Croce rossa fanno anche da supporto alle attività ginniche degli anziani. Due le sedi in cui sarà prestata l’opera: i centri diurni che sorgono nel quartiere Bucalo, al centro e nella popolosa frazione di Misserio, in piazza S. Vito. Gli operatori saranno a S. Teresa di Riva ogni giovedì: il primo di ogni mese a Misserio, gli altri al centro. La Croce rossa roccalumerese svolge anche attività con i Comuni, con esercitazioni di Protezione civile e con le scuole (didattica di primo soccorso ed educazione sanitaria). Parliamo di volontari qualificati, che sotto la guida dell’ispettore, e adesso commissario, Filippo Isaia, abbiamo visto impegnati in prima fila durante i soccorsi ai cittadini di Scaletta e Giampilieri in seguito all’alluvione dello scorso primo ottobre o, il 15 gennaio di tre anni fa, nelle acque dello Stretto, dove si è consumato il tragico incidente che coinvolse il Segesta Jet, in cui persero la vita quattro membri dell’equipaggio. La loro presenza a S. Teresa di Riva costerà al Comune appena un paio di migliaia di euro l’anno. “I volontari della croce rossa di Roccalumera – ha detto Pablo Spadaro, consigliere comunale e promotore dell’iniziativa – rappresentano una risorsa per l’intero comprensorio e non solo. Siamo davvero onorati di ospitarli a S. Teresa di Riva e di poter offrire ai nostri anziani la loro qualificata opera”.

Leave a Response