S. Teresa di Riva. Scuole elementari, al via l’iter per la messa in sicurezza

S. TERESA – Scuole cittadine nel mirino dell’Amministrazione comunale. Si punterà soprattutto alla messa in sicurezza degli edifici di competenza della municipalità, ma grande attenzione sarà pure rivolta al comfort degli studenti e al potenziamento delle strutture e dei servizi. In Comune si stanno valutando i curricula presentati dai professionisti che ambiscono a ricevere l’incarico di progettazione per la valutazione del rischio sismico negli edifici che ospitano le tre scuole elementari del paese: Sparagonà, Cantidati e Centro. La candidature sono 6 (due per ogni scuola). Ogni professionista, oltre ai propri requisiti, ha presentato un’offerta a ribasso sul preventivo stilato dall’ufficio tecnico comunale: 8.750 euro per Sparagonà, 13.500 euro per Cantidati e 33mila euro per il plesso centrale. Una volta affidati gli incarichi e fatti redigere i progetti, l’Amministrazione del sindaco Alberto Morabito si darà da fare per reperire i fondi necessari all’attuazione delle opere. Intanto, sono in fase di completamento alcuni interventi alla scuola media “Petri”. Con una spesa complessiva di circa 50mila euro sono stati rifatti il campo polivalente all’aperto (basket,  pallavolo e pallamano), i bagni e sistemazione degli intonaci e dei cornicioni. Sempre sul fronte dell’edilizia scolastica, entro fine mese saranno consegnati i lavori di completamento del recupero dell’Elementare “Michele Trimarchi”, a Bucalo, scuola chiusa da oltre un decennio per cedimenti strutturali. Infine, l’Amministrazione ha acquistato arredi e giochi didattici per le nove sezioni della Materna. La spesa complessiva è di circa 14mila euro. Subito dopo analogo trattamento sarà riservato alle elementari, mentre il prossimo anno toccherà alle medie. “Abbiamo chiesto direttamente agli insegnanti cosa avevano di bisogno – spiega il vice presidente del Consiglio, David Trimarchi – e siamo stati ben lieti di accontentarli, evitando acquisti inutili”.

Leave a Response