Messina. Simulazione di reato e calunnia aggravata, rinvio a giudizio per il deputato all’Ars Picciolo (Pd) e Ciccio Curcio ex consigliere comunale

MESSINA – Il Gup, Daria Orlando, ha rinviato a giudizio il deputato regionale siciliano del Pd, Giuseppe Picciolo, e l’ex consigliere comunale Ciccio Curcio, accusati di simulazione di reato e calunnia aggravata. I due politici sono ritenuti dagli investigatori gli autori di lettere anonime inviate tra giugno e luglio 2007 all’allora sindaco di Messina Francantonio Genovese e all’allora procuratore della repubblica Luigi Croce. Nelle missive i due avrebbero accusato di illeciti penali Nino Dalmazio, presidente della società Messina Ambiente che gestisce lo smaltimento dei rifiuti a Messina, e l’allora assessore comunale all’Urbanistica Antonio Catalioto. Dalmazio e Catalioto si sono costituiti parti civili, insieme all’architetto Michele Germanà dello studio di progettazione ‘Futura” di Capo d’Orlando, che sarebbe stato indicato da Picciolo come autore di una delle lettere anonime. 

 

Leave a Response