Messina. Violenta rissa con accoltellamento tra venditori ambulanti, arrestati. Manette anche per un cacciatore sprovvisto di porto d’armi

MESSINA – I carabinieri della stazione di Pace del Mela, collaborati dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia carabinieri di Milazzo, hanno arrestato tre venditori ambulanti di prodotti ittici con l’accusa di rissa. A finire nei guai Carmelo Di Salvo, 48 anni, di Barcellona Pozzo di Gotto ma residente a San Filippo del Mela, Stefano Foti, 57 anni, e Salvatore Foti, 38 anni, Durante la colluttazione Stefano Foti è stato colpito da una coltellata riportando una ferita al polso sinistro. Proseguono intanto gli accertamenti dei carabinieri per chiarire le cause che hanno fatto scattare la rissa tra i venditori ambulanti.
Questa mattina i carabinieri della Stazione di San Pier Niceto hanno invece arrestato un 35enne di Spadafora, Fortunato Castorina, sorpreso mentre assieme era impegnato in una battuta di caccia armato di un fucile cal. 12 nonostante fosse sprovvisto del porto d’armi. Infine, i carabinieri della Compagnia di Messina Sud e quelli della Stazione di Tremestieri, hanno tratto in arresto un giovane messinese in esecuzione di un provvedimento cautelare. A finire in manette, Daniele Cardile, 29 anni, di Messina. Il mandato di catura è stato emesso dal Tribunale di Messina nell’ambito del procedimento in cui Cardile è stato riconosciuto colpevole di estorsione. I fatti risalgono al dicembre del 2008. L’uomo deve scontare la pena definitiva di un anno, sei mesi e nove giorni di reclusione.

Leave a Response