Discarica di Pagliara, non si placano le polemiche. Entro fine mese la conferenza dei servizi

PAGLIARA – Mentre si attende la conferenza dei servizi (fissata per il 16 dicembre ma che potrebbe slittare a fine mese), il Consiglio comunale di Pagliara ha trovato il modo di polemizzare sulla realizzazione della discarica di contrada Carrubbara. A riaccendere nuovamente gli animi la necessità di eliminare il progetto di un sito di stoccaggio di rifiuti solidi urbani nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche. Progetto che risaliva al 2004 ed era stato realizzato dalla Prefettura di Messina. L’eliminazione è passata con i soli voti della maggioranza, mentre il gruppo di opposizione ha preferito astenersi. E proprio l’astensione ha suscitato il malumore del presidente dell’assemblea Sebastiano Gugliotta: “Debbo esprimere tutto il rammarico e la delusione – ha detto il presidente – per non aver il consiglio comunale approvato all’unanimità il Piano triennale delle Opere pubbliche con l’eliminazione del progetto della discarica, dimostrando compattezza ed unità di intenti. I gruppi di minoranza hanno perso un’ulteriore occasione – ha concluso Gugliotta – per dimostrare di saper collaborare e fare quadrato nei momenti importanti che segnano la storia del Comune di Pagliara”. Pronta la replica del gruppo che fa riferimento all’ex sindaco Mimmo Prestipino che ha tirato fuori il leit motiv delle ultime settimane: “Già negli anni precedenti – ha detto Prestipino – il Consiglio e la Giunta avevano approvato il Piano con dentro il progetto della discarica, quindi come facevano il sindaco ed il presidente del Consiglio a non sapere che questo progetto esisteva agli atti del Comune? Al Presidente Gugliotta – ha continuato l’opposizione -, che pur ricoprendo un ruolo istituzionale di rilievo nulla ha fatto perché si facesse chiarezza su questa triste vicenda, vogliamo ricordare che la minoranza ha espresso un voto di astensione per non creare nocumento alle azioni messe in atto dall’Amministrazione attiva per contrastare il progetto di discarica presentato dalla “Tirreno Ambiente”. Non sarebbe così secondo Gugliotta: “Non v’è dubbio che qualche consigliere del gruppo di minoranza “Risveglio” – ha replicato il presidente del Consiglio – astenendosi si sia voluto riservare per il futuro l’eventuale, quanto remota ed improbabile, possibilità di ripresentare il progetto per la realizzazione di una discarica in contrada Carrubbara”.

Leave a Response