Taormina. Pace fatta tra Raneri e Passalacqua. Domani il sindaco in aula per relazionare sull’Asm

TAORMINA – Allora, tutti d’accordo. Non è successo nulla. Le dichiarazioni del presidente del Consiglio comunale, Eugenio Raneri, e la lettera di “sfiducia”, nei suoi confronti, firmata dal sindaco, Mauro Passalacqua, dalla Giunta e dai consiglieri di maggioranza sono state mal interpretate. Lo scontro, la quasi crisi? Nulla di tutto ciò. Solo un grande abbaglio. “Raneri mio ha detto che le sue osservazioni non erano dirette nei miei confronti”, commenta il sindaco. “L’amministrazione è arrivata al capolinea”, aveva dichiarato Raneri. Una battuta che voleva essere esclusivamente un invito a mettere un punto fermo sull’attività di Palazzo dei Giurati per ripartire in maniera incisività con l’intento di affrontare i grandi problemi della città e riprendere il filo del programma che gli elettori hanno approvato con il loro voto. Questa la spiegazione che hanno dato il primo cittadino ed il presidente dell’assemblea cittadina. Dichiarazioni che sono state suggellate da una “cordiale” stretta di mano. Quindi tutto a posto. L’amministrazione Passalacqua continuerà nella sua attività. Addirittura con più slancio. “Quanto è accaduto –ha detto il sindaco- è servito a confermare, anzi far crescere, la nostra convinzione che il lavoro intrapreso è in linea con le esigenze della città. Non siamo allo sfascio, così come ha sostenuto l’opposizione”.
Ora, quindi, l’attività amministrativa a Palazzo dei Giurati riprenderà con particolare slancio. Le cose da fare sono tante. Non mancano le scadenze. Una per tutte: il Consiglio comunale ha meno di trenta giorni di tempo per definire l’iter del Piano Regolatore Generale. Per questo è stato stilato un serrato piano operativo che vedrà il Consiglio comunale impegnato nella valutazione delle osservazioni al PRG. Domani,  martedì 2 dicembre, intanto, l’assemblea si riunirà per ascoltare la relazione del sindaco in merito all’attività dell’Azienda. Si prevede una seduta arroventata. La minoranza, infatti, è pronta a dare battaglia. Passalacqua, tra l’altro, dovrà “spiegare” gli eventi succedutesi e che hanno portato alla sfiducia del Consiglio d’amministrazione dell’Azienda che, attualmente, è retta, direttamente dal sindaco. Un’operazione che ha portato l’ex presidente dell’ASM, Andrea Raneri, a fare ricorso al TAR contro la determina del sindaco. “Per il momento –commenta Passalacqua- non ho in programma di nominare un nuovo Cda. In ogni caso, proprio in questi giorni, si sta completando l’iter del concorso per la nomina del direttore”. Poi si vedrà.

Leave a Response