Giardini Naxos. Rissa davanti ad una discoteca: arrestati tre giovani

GIARDINI NAXOS – È di tre arresti il bilancio di un intervento dei carabinieri della stazione di Giardini Naxos per sedare una rissa scoppiata all’esterno di una nota discoteca della cittadina naxiota.  In manette sono finiti Leonardo Grasso, 19 anni di Giarre, Salvatore Indelicato, 18 anni di Giarre, e Elio Foti, 25 anni di Giardini Naxos. I militari dell’Arma sono stati attirati sul posto dalle urla di alcuni cittadini che segnalavano la rissa in corso. Nel fuggi fuggi generale i carabinieri sono riusciti a bloccare i tre giovani, tutti con il viso tumefatto segno evidente della colluttazione.
I tre sono stati accompagnati al Pronto Soccorso dell’Ospedale “San Vincenzo” di Taormina, dove hanno ricevuto le cure mediche del caso e da dove sono stati dimessi con prognosi tra i 2 ed i 5 giorni per contusioni varie. Subito dopo i tre sono stati dichiarati in arresto per rissa. I militari dell’Arma stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica dei fatti.

I Carabinieri della Compagnia di Messina Centro, con il concorso delle Stazioni dipendenti, hanno arrestato altre due persone. A finire in manette, dapprima, un giovane messinese in quanto responsabile della violazione delle prescrizioni imposte dalla misura di prevenzione. Il 23enne, nato e residente a Messina, in atto sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel Comune peloritano, è stato fermato ieri intorno alle 19.30 da una pattuglia dei Carabinieri che stava effettuando un servizio di controllo alla circolazione stradale. A finire in manette, Francesco Fusco, 24 anni, nato a Messina  1986, nulla facente, già noto alle Forze dell’Ordine, che è stato controllato alla guida di un autoveicolo privato, mentre unitamente ad altra personale stava transitando lungo una via del centro di Messina. I Carabinieri, che avevano riconosciuto l’uomo. hanno proceduto immediatamente a fermarlo. Il giovane pertanto, essendo destinatario di una misura di prevenzione disposta dall’A.G. che gli imponeva di non porsi alla guida di veicoli, stante la flagranza di reato veniva tratto in arresto e su disposizione del Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Messina, veniva trattenuto nella camera di sicurezza della Stazione Carabinieri in attesa dell’udienza di convalida. Successivamente, la pattuglia dell’Arma, mentre transitava nella via Sempione, notava un giovane in atteggiamento sospetto. Lo stesso, inoltre, alla vista dei Carabinieri, cercava di dileguarsi ma veniva raggiunto dai militari che lo bloccavano, procedendo alla sua perquisizione personale. Il giovane, identificato in Gianfranco Bonanno, 19 anni, nato a Messina , già noto alle Forze dell’Ordine, veniva trovato in possesso cento grammi circa sostanza stupefacente del tipo “marijuana”. Stante la flagranza di reato, lo stesso veniva tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e trattenuto nella camera di sicurezza della Stazione carabinieri di Giostra, in attesa dell’udienza di convalida e contestuale rito direttissimo che si terrà presso il Tribunale di Messina.

 

Leave a Response