Alì Terme. Arrestato extracomunitario per inosservanza decreto di espulsione

ALI’ TERME – Nel corso di un servizio del territorio predisposto dal comandante della locale stazione dei carabinieri, maresciallo Salvatore Garufi, che ha agito d’intesa con la Compagnia Messina sud, è stato arrestato un extracomunitario del Tagikistan, repubblica dell’Asia centrale. A finire con le manette ai polsi Namian Toleki, 46 anni, accusato di inosservanza a un decreto di espulsione dal territorio italiano. L’uomo, per le sue caratteristiche somatiche, non è passato inosservato ad una pattuglia dei militari, impegnati anche in controlli  antisciacallaggio per la vicinanza di Alì Terme a Scaletta Zanclea e Itala, colpite dall’alluvione del 1. ottobre scorso. Toleki è stato fermato mentre si aggirava nella centrale piazza Nino Prestia, accanto al Municipio. Trasferito in caserma per accertamenti, è risultato che l’uomo era privo di  visto di soggiorno e poi da ulteriori approfondimenti è emerso che nei suoi confronti pendeva un decreto di espulsione. L’extracomunitario è stato processato ieri mattina col rito direttissimo al tribunale di Messina, dove gli è stato confermato l’arresto e predisposto l’allontanamento fuori dai confini italiani. Il provvedimento sarà eseguito su disposizione della Prefettura.

Leave a Response