Alluvione del 1° ottobre, completato dall’Ordine degli Ingegneri il censimento degli immobili danneggiati

L’Ordine degli Ingegneri di Messina ha completato oggi il censimento dei danni agli immobili colpiti dall’alluvione dell’ 1 ottobre. Gli accertamenti eseguiti da squadre composte da ingegneri ai quali si sono uniti anche diversi architetti e geologi, in accordo con i rispettivi Ordini, hanno interessato il comune di Messina (con visite nei villaggi di Giampilieri, Molino, Altolia, Briga superiore e Pezzolo) ed il comune di Scaletta.
Nel caso in questione le schede AeDES, impiegate normalmente dalla Protezione civile per valutare l’agibilità di strutture edilizie a seguito di eventi sismici, sono state calibrate avendo come riferimento il danno alle strutture edilizie provocato dall’evento alluvionale, al solo fine di individuare gli immobili immediatamente rioccupabili. E’ significativa, a tal proposito, la presenza in questi giorni a Messina dell’ing. Stefania Arangio, ricercatrice presso il Cnr di Roma, che sta collaborando con l’ing. Manlio Marino, coordinatore dei Gruppi di Lavoro, nella messa a punto di schede finalizzate al danno strutturale post-alluvione, segnale questo dell’attenzione dell’ambiente tecnico scientifico nazionale sulle tragiche conseguenze dell’evento messinese, in antitesi ad alcune dichiarazioni frettolose ma lapidarie esternate  da alcuni autorevoli personaggi e rimbalzate sui media. Il lavoro adesso proseguirà, anche con l’ausilio di professionisti forniti dall’Ordine, presso la struttura della Funzione 3 dove le schede verranno elaborate e catalogate per un giudizio complessivo ed omogeneo. Solo ai fini statistici, l’Ordine degli ingegneri fino ad oggi, attraverso i colleghi, ha garantito – a turno – la presenza di 200 professionisti, per circa 1800 ore, oltre all’impegno del personale di segreteria  presso la propria sede. Tutto ciò anche per ricordare il collega. ing. Luigi Costa, morte nello svolgimento del suo lavoro, al quale sarà titolata l’ Associazione  Ingegneri  Messina Emergenze Civili, di prossima istituzione.

Leave a Response