Primarie del Pd. Domani si vota per eleggere il segretario nazionale e regionale. In Provincia di Messina allestiti 103 seggi

MESSINA – Domani si terranno anche a Messina e Provincia le Primarie del Partito Democratico. Si vota per eleggere il Segretario nazionale, il Segretario regionale e i delegati alle Assemblee nazionale e regionale del Partito Democratico.
Sono tre i candidati alla Segreteria nazionale: Pierluigi Bersani, Dario Franceschini e Ignazio Marino.
Sono tre anche i candidati alla Segreteria regionale: Giuseppe Lupo (mozione Franceschini), Giuseppe Lumia (indipendente) e Bernardo Mattarella (mozione Bersani).
Per partecipare non è necessario essere iscritti al Partito Democratico. Possono votare coloro che hanno compiuto i 16 anni di età, sono cittadini italiani, cittadini europei con residenza in Italia, o cittadini di un altro paese con permesso di soggiorno in Italia. Per votare basta un documento d’identità e la tessera elettorale. Per i minorenni e i cittadini stranieri serve solo il documento.
Le schede sono due: una di colore azzurro per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea nazionale, un’altra di colore rosa per l’elezione del Segretario  e dell’Assemblea regionale.
Si vota tracciando un unico segno su una delle liste presenti nella scheda elettorale. Il voto andrà automaticamente al Segretario, nazionale o regionale, collegato a quella lista. Non è prevista la possibilità di voto disgiunto.
Per votare è necessario versare un contributo minimo di 2. Il PD di Messina ha deciso di destinare il ricavato alle popolazioni sfollate in seguito alla tragica alluvione del 1 ottobre.
Nell’intera provincia di Messina sono stati allestiti 103 seggi, 14 solo in città.
In provincia è presente quasi un seggio per ogni comune: a Barcellona Pozzo di Gotto, Milazzo e Gioiosa Marea sono stati allestiti due seggi per comune, mentre alcuni piccoli centri sono stati accorpati (Alì Terme e Alì; Falcone e Furnari; Francavilla di Sicilia, Malvagna, Motta Calastra, Roccella Valdemone, Moio Alcantara; Gualtieri Sicaminò e Condrò; Letojanni, Mongiuffi Melia, Gallodoro, la frazione Mazzeo di Taormina; Leni, Malfa e Santa Marina Salina; Mirto e Frazzanò; Novara di Sicilia e Fondachelli Fantina; Sant’Agata Militello e Militello Rosmarino; Scaletta Zanclea e Itala; Terme Vigliatore, Rodì Milici e Mazzarrà Sant’Andrea; Tripi e Basicò; Villafranca Tirrena e Saponara – N.B.: in grassetto i comuni che ospitano il seggio).
Si vota dalle 7 alle 20. Lo spoglio inizierà subito dopo la chiusura dei seggi.
Diventerà Segretario nazionale/regionale, colui le cui liste avranno riportato più del 50% delle preferenze. Qualora nessun candidato ottenga questo risultato, il Segretario sarà eletto dalle rispettive assemblee (che si riuniranno entro un termine massimo di 15 giorni) chiamate a scegliere tra i due collegati al maggior numero di componenti l’assemblea.

Leave a Response