Messina alluvione. Dossier della Cgil: ”Appariva chiaro che c’è un problema sicurezza. La tragedia ha confermato i nostri timori”

MESSINA – A tre settimane dall’alluvione che ha devastato la zona ionica della città, la Cgil organizza venerdì prossimo, 23 ottobre, un’iniziativa pubblica di denuncia, approfondimento e proposte che vedrà a confronto tecnici, esperti e amministratori. Per Lillo Oceano, segretario generale della Cgil di Messina,  “l’alluvione, il rischio sismico, quello idrogeologico, i problemi urbanistici, l’avvio di inchieste sulla qualità del cemento impiegato nell’edilizia anche privata ci obbligano a interrogarci sulle effettive condizioni di sicurezza delle nostra città e del nostro territorio. E a spingere – prosegue Oceano – perché si faccia tutto il necessario per evitare altre tragedie”.
Nel corso dell’iniziativa, la prima di una serie su questi temi, la Cgil di Messina presenterà un Dossier elaborato da tecnici sulle criticità del territorio e sulle proposte di intervento. “Avevamo iniziato a lavorare a questa iniziativa coinvolgendo tecnici ed esperti  all’indomani del sisma d’Abruzzo perché anche ai nostri occhi di profani appariva chiaro che a Messina c’è un problema sicurezza – spiega Oceano-. Indagini, studi e anche i fatti più recenti hanno purtroppo certificato i nostri timori obbligando oggi tutti coloro che hanno responsabilità dirette e indirette, sindaci, amministratori regionali e provinciali, la deputazione, a battersi per ottenere prima di ogni altra cosa la messa in sicurezza del nostro territorio”.
Nel Dossier si evidenzia come edifici pubblici, ospedali, chiese, o intere aree come quella del Torrente Trapani o di Monte Piselli, necessitino di urgenti interventi strutturali perché seriamente insicuri. “Si deve ripensare lo sviluppo del nostro territorio, si devono adottare criteri meccanismi e regole che impediscano il verificarsi di nuove tragedie. A partire dalla pianificazione territoriale fino alle norme sulla trasparenza degli atti”, osserva Oceano.
All’iniziativa dal titolo “Mettiamo in sicurezza il territorio”, che si terrà venerdì 23 ottobre nella Chiesa di santa Maria Alemanna dalla ore 9.30 alle ore 13.30 circa interverranno il sindaco di Messina, Giuseppe Buzzanca; il presidente della Provincia Nanni Ricevuto; l’ex Direttore dell’Ispettorato Forestale di Messina Giuseppe Giami; il presidente di Legambiente Sicilia, Mimmo Fontana; il segretario della Cgil Sicilia responsabile ambiente e sicurezza, Antonio Riolo; l’urbanista Marcel Pidalà che ha collaborato alla realizzazione del Dossier.
Nella seconda parte della mattinata si terrà una Tavola rotonda moderata dal giornalista Antonio Caffo alla quale prenderanno parte l’Assessore ai lavori pubblici della Regione Sicilia, Nino Beninati; il capogruppo UDC al Senato, Gianpiero D’Alia; il giornalista della Gazzetta del sud, Lucio d’Amico; Anna Giordano del WWF Italia; il deputato regionale Filippo Panarello originario delle zone colpite dall’alluvione e Alberto Ziparo docente di Pianificazione urbanistica, esperto in tematiche ambientali.

 

Leave a Response