Alluvione Messina. Ancora da identificare una salma di sesso femminile recuperata a Giampilieri. I carabinieri chiedono collaborazione

MESSINA – Su delega dell’autorità giudiziaria, i carabinieri del Nucleo investigativo del Reparto operativo di Messina, si sono recati nei centri di accoglienza, alberghi e residence, dove sono attualmente alloggiati gli alluvionati e gli sfollati, per procedere all’affissione di un decreto di esposizione cadaverica di una salma femminile, corporatura robusta, bassa statura, età adulta, con piedi aventi lunghezza corrispondente alla misura di scarpe 35 ed indossante un pantalone di colore nero con banda elastica sulla quale è riportata la scritta in stampatello “onda su onda”. Il decreto viene reso noto per permettere l’identificazione della salma, che è stata rinvenuta a Giampilieri Superiore e in atto si trova presso la camera mortuaria del Policlinico di Messina. Il profilo genetico della  salma femminile non riconosciuta, è stato già estrapolato dai carabinieri del RIS di Messina e quindi è già disponibile per qualsiasi confronto con quello dei familiari Chiunque sia in grado di fornire utili elementi per il riconoscimento, può mettersi in contatto con i carabinieri del Nucleo investigativo del Reparto Operativo di Messina all’utenza telefonica del centralino 090/42801. 

Nonn viene esclusa l’ipotesi che appartenga ad una extracomunitaria che si trovava di passaggio a  Giampilieri Superiore nel momento in cui si è scatenato il finimondo. E il fatto che fino ad oggi nessuno si è fatto avanti fa appunto pensare che non sia del luogo.

Leave a Response