Acquazzone stanotte sui paesi ionici: smottamenti e allagamenti a Giardini, S. Teresa e Taormina. Chiusa una corsia dell’autostrada. A Mazzarò evacuato un albergo

MESSINA –  Ancora acqua e fango per la pioggia che ha interessato stanotte anche la zona tra Taormina e Santa Teresa di Riva. Alcuni corsi d’acqua  sono straripati, invadendo l’autostrada Messina-Catania e alcuni centri abitati. Delle auto sono state sommerse dai detriti ma per fortuna non si registrano danni alle persone. Gli smottamenti hanno interessato contrada San Giovanni a Giardini Naxos, dove decine di negozi e scantinati sono stati invasi dal fango. Seriamente danneggiata anche un tratto di Ss114 con il traffico che, in attesa di interventi, è stato deviato sul lungomare. A S. Teresa particolarmente colpita l’area che viene utilizzata per il mercato, vicino al torrente Agrò. Probemi anche in contrada Sirina, a Taormina, dove si trova l’ospedale. E’ franata parte di via Crocefisso e il sindaco Mauro Passalacqua con propria ordinanza ha disposto la chiusura al transito dell’importante arteria. A Mazzarò la polizia ha evacuato un intero albergo, il “Baia Palace”, perchè tra il fango e i detriti che hanno invaso la reception è stato ritrovato anche un proiettile bellico risalente alla Seconda Guerra Mondiale. Sull’autostrada Messina-Catania si viaggia solo sulla corsia di sorpasso a causa di uno smottamento all’imbocco della galleria all’altezza dell’abitato di Giardini Naxos.
 

Leave a Response