Taormina. Controllo del territorio, due arresti. Elevate numerose contravvenzioni per violazioni al codice della strada

TAORMINA – Due arresti, una denuncia in stato di libertà e numerosi verbali elevati per violazioni del codice della strada: è questo il bilancio del servizio di controllo del territorio effettuato nel fine settimana dai carabinieri della Compagnia di Taormina.
A Giardini Naxos è finito in manette Santo Saglimbene, nato a Gallodoro, 51 anni, responsabile di lesioni personali nei confronti di un autotrasportatore di 21 anni originario del Kossovo.
Secondo quanto accertato dai militari dell’Arma, Saglimbene nel corso di una colluttazione scaturita per futili motivi avrebbe colpito ripetutamente con un bastone il giovane camionista. Il 21enne è stato trasportato in ospedale dove i sanitari gli hanno un trauma cranico e contusioni al gomito ed alla mano sinistra, giudicandolo guaribile in 8 giorni. Saglimbene, stante la flagranza di reato, è stato arrestato e ristretto nella camera di sicurezza della Stazione  di Giardini Naxos in attesa dell’udienza con rito direttissimo. A Letojanni, invece, i carabinieri della locale stazione hanno notificato ad un giovane taorminese di 19 anni, un’ordinanza di custodia cautelare in quanto responsabile di lesioni personali nei confronti della convivente 23enne. Dopo le formalità di rito il giovane è stato ristretto nel carcere di Messina Gazzi.
I carabinieri hanno inoltre garantito il rispetto delle disposizioni in materia di codice della strada con strumentazioni tecnologicamente all’avanguardia come drug test ed etilometri. Sono state elevate 22 contravvenzioni, sequestrato un ciclomotore ed eseguite diverse perquisizioni personali e veicolari.
Le contravvenzioni riguardano in particolare l’omesso uso del casco protettivo e delle cinture di sicurezza, la dimenticanza di documenti, la guida senza patente ed il mancato rinnovo patente.
Infine, i carabinieri hanno deferito in stato di libertà un disoccupato di 61 anni, poiché circolava a bordo di un ciclomotore che da accertamenti è risultato rubato a Taormina nel mese di febbraio del 2008.

Leave a Response