Consiglio provinciale. Il Mpa smentisce di aver chiesto le dimissioni dell’assessore Mario D’agostino (Udc)

MESSINA – I consiglieri Roberto Cerreti, Roberto Gulotta, Antonino Previti e Rosy Danzino Bonomo, aderenti al Gruppo del MPA alla Provincia regionale di Messina, a seguito delle notizie di stampa inerenti le criticità che hanno caratterizzato i lavori nel Consiglio Provinciale nella seduta di ieri, hanno diffuso un comunicato con il quale sottolineano che non ”era intenzione del nostro partito aprire un dibattito sull’assessore alla Cultura, il taorminese Mario D’Agostino, quanto invece puntare l’indice verso quelle problematiche, già evidenziate sulla stampa nelle scorse settimane, che allo stato attuale hanno inficiato la regolare attività d’Aula a Palazzo dei Leoni. In uno stato democratico, in una coalizione democratica, in un partito democratico, può anche avvenire che ci siano confronti accesi tra i vari rappresentanti Istituzionali, ma utili se finalizzati alla giusta conclusione,  e quindi ad una soluzione, figlia della valutazione e delle osservazioni fatte”.
”Appare, quindi, opportuno chiarire la posizione del Movimento per l’Autonomia, che nella seduta di ieri non ha chiesto le dimissioni dell’Assessore D’Agostino – si legge nel comunicato –  né tantomeno ha inteso attaccare l’UDC, che consideriamo un serio ed affidabile alleato nel messinese, ma bensì in un ragionamento più ampio sulle criticità che hanno caratterizzato ad oggi una carente comunicazione tra i rappresentanti di Giuntà dell’Amministrazione Ricevuto ed i Consiglieri Provinciali, la riflessione di valutare l’opportunità di tagliare qualche ramo secco, riferito solo ed esclusivamente a quegli Assessori, e non sono pochi, che ad oggi non si sono contraddistinti per una loro convinta ed incisiva azione amministrativa.
Inevitabile per noi scorgere –  si legge nel comunicato del Mpa –  anche nell’ambito delle attività culturali della Provincia Regionale di Messina, degli atteggiamenti di mancato coinvolgimento delle Forze politiche nella linea politico ed amministrative che l’Assessorato ha seguito, ma che in ogni caso non turbano il nostro positivo pensiero nei confronti dell’Assessore, fiduciosi che quanto emerso ieri servirà per la realizzazione di quel momento di maggiore condivisione dell’azione Amministrativa dell’Ente.
”Pertanto – conclude la nota del Mpa –  la richiesta formalizzata al residente Rivevuto, di un incontro con il gruppo consiliare del MPA ed i propri Assessori, Gaetano Duca e Daniela Bruno, in cui confermiamo nostra fiducia ed appoggio, al fine di effettuare le opportune valutazioni e verifiche, migliorative di un rapporto politico ed amministrativo iniziato nel 2008 e che auspichiamo possa concludersi con la regolare scadenza del mandato elettorale consegnatoci dai cittadini di Messina e della sua provincia”.

Da registrare, intanto, un comunicato dell’UdcI capigruppo dell’UDC a firma di Matteo Francilia e Rosario Sidoti: “Riteniamo assolutamente infondato ciò che è stato affermato nell’ultima seduta del Consiglio provinciale dai consiglieri Roberto Cerreti e Pino Galluzzo a proposito dell’attività svolta dall’assessore provinciale, Mario D’Agostino, in quanto lo stesso si è proficuamente impegnato in quest’anno di attività politico-amministrativa quale assessore alla Cultura per promuovere su tutto il territorio provinciale le attività culturali; lo stesso Palacultura di Barcellona è inserito nella Settimana della Cultura con un evento in cartellone nella giornata odierna. L’UDC ritiene strumentali ed incomprensibili le critiche rivolte all’assessore D’Agostino”.

 

              

Leave a Response