Dissesto idrogeologico, il presidente della Provincia Ricevuto traccia i programmi: “Stop a soluzioni-tampone, servono grandi opere”

Gianluca Santisi

“E’ finito il tempo dei pannicelli caldi, occorrono interventi importanti e mirati per eliminare le criticità esistenti sul territorio messinese”: così il presidente della Provincia, Nanni Ricevuto, all’indomani del vertice con i sindaci jonici sui danni provocati dal maltempo. Il massimo rappresentante di Palazzo dei Leoni oggi incontrerà i responsabili di Anas e Protezione Civile. I risultati del summit saranno resi noti dallo stesso Ricevuto agli amministratori della zona jonica nel corso di un nuovo incontro già fissato per domani. Intanto, prosegue la stima dei danni nei centri maggiormente colpiti dal maltempo. Particolarmente problematica appare la situazione ad Antillo, nel cuore della Val d’Agrò. “C’è una situazione di grave pericolo nella frazione Romito – spiega il sindaco Antonio Di Ciuccio che ha presentato alla Provincia l’ennesimo dossier – a causa di uno smottamento che minaccia diverse abitazioni”. Domenica scorsa, per l’ennesima volta, si sono staccati alcuni massi dal costone e solo per puro caso si è evitata la tragedia visto che in quel momento nella zona non transitava nessuno. “Se non si interverrà in tempi brevi – afferma Di Ciuccio – in qualità di autorità locale di Protezione Civile farò effettuare i lavori di messa in sicurezza del costone a spese del Comune e mi poi mi rivarrò sulla Provincia”. Ma ad Antillo c’è un’altra emergenza da affrontare senza ulteriori rinvii. Si tratta dello smottamento che ormai da anni interessa la Sp19 e che risulta evidente dalle vistose crepe che si sono aperte sulla sede stradale. “Il tratto di Provinciale all’altezza di contrada Portella – spiega Di Ciuccio – rischia di franare lasciando isolato il nostro paese. Da anni segnaliamo il problema agli organi preposti ma senza riuscire ad ottenere interventi concreti”. Chi chiede risposte immediate è anche il Comune di Alì Terme, ancora alle prese con il rischio frane a Capo Alì. Memori di quanto accaduto nel recente passato (smottamenti sulla Ss114 e conseguenti lunghe chiusure dell’importante arteria), gli amministratori, con in testa l’assessore Tommaso Micalizzi e il presidente del Consiglio, Pietro Caminiti, hanno approfittato del vertice sul maltempo per chiedere il sostegno della Provincia. La risposta di Ricevuto non si è fatta attendere: la questione sarà posta all’attenzione di Anas e Protezione Civile nell’incontro fissato per oggi.

Leave a Response