Servizi di prevenzione dei carabinieri: due arresti, identificate 90 persone e 45 tra auto e motoveicoli.

MESSINA – I carabinieri hanno operato attuando vari servizi per la prevenzione dei reati contro il patrimonio e la persona e per il contrasto degli illeciti amministrativi inerenti le violazioni alle norme del codice della strada. Gli equipaggi del Nucleo Radiomobile di Messina sono stati posizionati nei punti nevralgici della rete viaria del capoluogo peloritano, ove sono state operate anche numerose perquisizioni personali e veicolari. Nel corso dell’attività, che ha permesso di controllare ed identificare oltre 90 persone e 45 tra auto e motoveicoli, i militari dell’Arma hanno altresì denunciato in stato di libertà un ristoratore messinese, 21enne, incensurato, per guida in stato di alterazione psicofisica dovuta all’uso di sostanze stupefacenti;un pregiudicato 39enne, per detenzione di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”; due 15enni, entrambi incensurati, per ricettazione in quanto a seguito di perquisizione personale e domiciliare, sono stati trovati in possesso di articolirisutati rubati.I Carabinieri hanno altresì proceduto a segnalare alla Prefettura di Messina un giovane 21enne perché consumatore di sostanze stupefacenti, essendo stato trovato in possesso di una modica quantità di stupefacente del tipo “marijuana” detenuta per uso personale.
I carabinieri della Compagnia di Mistretta hanno dato esecuzione ad una misura cautelare emessa dal Gip del locale Tribunale, per atti persecutori, a carico di  un 22enne calabrese. Il giovane era già stato tratto in arresto, per il medesimo reato, il 2 settembre scorso, quando al fine di riallacciare la relazione sentimentale con la ex fidanzata, dopo essersi recato sotto la casa di quest’ultima l’aveva anche minacciata di morte. Il 22enne adess si trova agli arresti domiciliari. Nella tarda serata di ieri, infine, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia carabinieri di Barcellona Pozzo di Gotto congiuntamente a quelli della locale Stazione carabinieri hanno eseguito l’arresto in flagranza di reato del cittadino albanese Arben Xheka, 29 anni, con l’accusa di estorsione nei confronti di un suo connazionale.

Leave a Response