Antillo. La festa dell’emigrante per gli antillesi sparsi nel mondo

ANTILLO – Si celebrerà mercoledì 19 agosto e giovedì 20 agosto, nell’ambito delle manifestazioni organizzate per “E…state ad Antillo 2009”, la 7^ festa dell’emigrante, che l’Amministrazione Comunale dedica a tutti gli antillesi sparsi nel mondo e che in questo periodo rientrano per un meritato periodo di riposo.
Fin dal 2003 l’Amministrazione Comunale presieduta dal Sindaco Antonio Di Ciuccio ha istituito la festa dell’emigrante, allo scopo di esprimere i sentimenti di affetto e stima che la comunità antillese ha nei confronti dei tanti nostri concittadini che hanno dovuto abbandonare il paese per motivi di lavoro e di famiglia ma che hanno sempre mantenuto un legame forte, vivo e profondo con il luogo natio.
In particolare, quest’anno, la manifestazione si svolgerà con il patrocinio dell’Assemblea Regionale Siciliana e dell’Assessorato Provinciale alle Politiche Culturali.
Nel corso della serata del 19, è prevista la S. Messa officiata da Padre Don Egidio Mastroeni, lo svolgimento di un concerto di musica etnica del gruppo “Isola”, l’esibizione degli ultimi esponenti del canto popolare antillese, la degustazione di pane condito e cuzzola al forno con salsiccia. E’ prevista la partecipazione dell’Assessore Provinciale alle Politiche Culturali Dott. Mario D’Agostino.
Al termine della serata del 19 agosto, a tutti gli emigrati presenti in piazza sarà donata un dvd contenente il filmato realizzato in occasione della festa patronale del 2008.
Nella serata del 20 è previsto il concerto del noto cantante Paolo Mengoli.
Il Sindaco Antonio Di Ciuccio ha manifestato la sua soddisfazione per essere riusciti a dare un segnale tangibile e duraturo a testimonianza dei legami indissolubili che Antillo ha con i suoi concittadini emigrati in tutte le parti del mondo e ha espresso il proposito di continuare a dedicare momenti di riflessione e di incontro anche per il futuro, nella consapevolezza dell’importanza di tenere sempre saldo il rapporto con la comunità antillese nella sua globalità.

Leave a Response