Roccalumera. Cartellone estivo in ritardo, è polemica

ROCCALUMERA. E’stato varato il cartellone delle manifestazioni estive dell’Amministrazione comunale ma, com’era prevedibile, non sono mancate le critiche. «Il manifesto degli intrattenimenti estivi – esordisce il capogruppo di minoranza, Giuseppe Campagna – è rosso per la vergogna. L’Amministrazione solo oggi, ad agosto inoltrato, pubblicizza un calendario particolarmente rabberciato che elenca pochi eventi, in parte già iniziati, e che sono il frutto della perseveranza di quelle associazioni che con coraggio hanno organizzato delle manifestazioni rischiando sulla loro pelle. E’ bene, infatti, che si sappia – continua Campagna – che la Giunta Miasi ha concesso loro solo il “gratuito patroci- E’ nio” e il pagamento della Siae e del service, nei limiti della dotazione residua dei capitoli di Bilancio». “Non c’è nulla di cui vergognarsi – replica il sindaco Miasi – abbiamo varato un cartellone all’insegna dell’austerità e in
linea con la situazione economica generale. La gente tira la cinghia, non vedo perché noi avremmo dovuto scialacquare denaro pubblico. In questo momento, alle grandi manifestazioni, che pure sono una richiesta legittima, preferisco di gran lunga – conclude Miasi – assicurare servizi importanti per i cittadini del mio paese, come la mensa scolastica e l’assistenza agli anziani». Ma la minoranza ce l’ha soprattutto con l’assessore al Turismo,
Mauro Sparacino. «Non più di 8 giorni fa in Consiglio – dice Campagna – l’assessore aveva dichiarato che non era
stato predisposto alcun cartellone, perché non ci sono turisti. Dopo queste incredibili affermazioni, abbiamo assistito
in paese ad un coro di critiche, tanto che il sindaco è stato costretto ad intervenire sconfessando, di fatto, il suo assessore ed approntando in fretta e furia un “cartellino” di eventi. Anche l’assessore deve aver cambiato idea tant’è vero che nella delibera di Giunta n° 138 dell’11 agosto scrive: nella stagione estiva un notevole flusso di turisti triplica la popolazione residente. E’ da ritenere necessario e prioritario l’intrattenimento».

Leave a Response