Unione del Nisi, ancora un “no” dal Consiglio di Alì

ALI’ – La seconda bocciatura consecutiva dello Statuto da parte del Consiglio comunale di Alì rischia di lasciare fuori il piccolo centro collinare dall’Unione dei Comuni “Valle del Nisi”. Ieri sera, dopo la battuta a vuoto dello scorso 31 luglio, l’assemblea cittadina ha nuovamente stoppato l’approvazione dello Statuto. Sei i voti favorevoli, altrettanti quelli contrari. Ancora una volta il presidente del civico consesso Pietro Fiumara e il gruppo di opposizione hanno votato contro, segno che non è stata raggiunta l’intesa con l’Amministrazione del sindaco Carmelo Satta, che pure aveva provato a ricucire lo strappo sottoponendo agli oppositori alcune proposte di emendamento alla carta costitutiva della nuova Unione. A questo punto è ipotizzabile che Nizza di Sicilia, Alì Terme e Fiumedinisi andranno ugualmente avanti senza il Comune di Alì. La seduta di ieri sera si era aperta con la proposta di rinvio dell’argomento da parte del presidente Fiumara. Proposta appoggiata dalla minoranza ma non dal gruppo di maggioranza fedele al sindaco Satta, che ha votato contro. Così si è passati all’approvazione dello Statuto che, come detto, è stata bocciata dai sei voti contrari.

Leave a Response