Taoarte. “Aida”, sarà un trionfo… in digitale

TAORMINA – Si annuncia un “trionfo di Aida” al digitale nella tre giorni dedicata all’opera verdiana che si terrà il 7 agosto e in replica il 9 e 11 agosto alle 21,30. Per la prima volta al Teatro Antico di Taormina si sperimenteranno proiezioni ad alta definizione che trasformeranno il palcoscenico senza bisogno dei macchinosi e difficili cambi di scena. “Si tratta – ha spiegato il direttore della sezione Musica e Teatro di Taormina Arte, Enrico Castiglione – di una novità realizzata esclusivamente per questa Aida”. Al centro della scena è già stata realizzata un’ imponente piramide schiacciata in abbinamento a fasci di luce altamente tecnologici e studiati con cura certosina espressamente per le dimensioni del Teatro Antico. “Le proiezioni – spiega Castiglione – riprodurranno ambienti interni ed esterni. Speriamo di ricreare la sensazione di trovarci tridimensionalmente nel lontano Egitto. Il tutto è stato  ideato assieme ai costumi di Sonia Cammarata. I fasci, infatti, riprendono anche il gioco dei colori dei vestiti realizzati con mosaici di vetro intagliato. Si avrà, così, un’ omogeneità stilistica, ben definita e determinata”. Si prospetta, dunque, una serie di quadri unica ed al tempo stesso di grande impatto visivo. La magia del digitale trasformerà le colonne romane dell’area storica taorminese in preziose strutture egizie ed anche nelle palme di faraonici giardini. “Taormina Arte – sostiene Castiglione – si propone come modello di stagione lirica all’aperto. Con questo sistema si ovvia al problema delle scene monumentali che vengono, invece, riprodotte virtualmente senza togliere nulla alla maestosità della scena, anche grazie all’idea portante della piramide costruita”. Sicuramente questo un modo semplice ma efficace anche per mantenere lo splendido scenario naturale del Teatro Antico che con il suo panorama unico al mondo. “Per l’occasione avremo ospiti – conclude Castiglione – anche i direttori artistici e Soprintendenti dei grandi teatri europei. Così come accaduto lo scorso anno in occasione di “Tosca” sarà, per esempio, presente il Sovrintendente del Festival di Salisburgo, ma prenderanno parte allo spettacolo anche quelli di Vienna, Zurigo e Londra”. La coppia “Castiglione-Cammarata”si propone in maniera innovativa unendo tradizione e tecnologia. Visto il cast dei cantanti guidato da Isabelle Kabatu, Salvatore Licitra e Juan Pons, si prepara un appuntamento da non perdere non solo per le orecchie dei melomani.

Leave a Response