Nino Strano: “Novità in vista per Taormina Arte”

Giuseppe Monaco

TAORMINA – C’è da attendersi qualche novità per quanto riguarda l’organizzazione delle prossime edizioni di Taormina Arte. Novità che, a quanto pare, dovrebbero interessare l’assetto politico-amministrativo della grande kermesse. C’è da attendersi il lancio, nel corso delle festività di Fine Anno, di un’iniziativa capace di richiamare l’attenzione turistici dei mercati turistici, nazionale ed internazionale, su Taormina. Sono queste le informazioni che l’assessore regionale al Turismo, Nino Strano, non ha fornito a Tele90 durante un’intervista concessa lo scorso fine settimana ritagliando, tra gli impegni istituzionali, un poco di tempo a quello dedicato al riposo e ai bagni di mare. Le notizie, però, sono da considerare certe o almeno più che attendibili. –Ma in cassa non c’è più un euro. Lo ha scritto lei in una sorta di comunicato indirizzato ai sindaci siciliani. Che lavoro si può fare senza fondi?  “Quella alla quale si riferisce, è una questione che riguarda solo un aspetto del programma 2009 dell’assessorato. I fondi per progetti presentati dalle amministrazioni locali e dai privati, è vero, sono stati impegnati. E’ vero, pure, però, che ci stiamo attrezzando, con nuove regole, per il 2010. Per questo invito tutti a prepararsi, per il prossimo anno, con iniziative valide”.  L’assessore, comunque, ha fornito qualche indicazione, quasi di prima mano. “Ho inserito il consigliere comunale di Taormina, Bruno De Vita, nel gabinetto dell’assessorato. L’ho fatto per poter contare su un elemento valido, anche per la sua attività professionale privata, capace di seguire fatti organizzativi ed amministrativi e, poi perché è di Taormina. Nel mio staff –dice Strano- mi appare utile avere elementi che hanno maturato esperienze nel settore del turismo operando in quella che è la città più importante in questo settore”. De Vita si è già insediato nel suo ufficio di Palermo ed ha iniziato a verificare quanto è possibile programmare per dare all’assessorato la possibilità di intervenire in maniera efficace ed efficiente all’interno del comparto economico siciliano con maggiore potenzialità. Non sarà solo questo “l’acquisto” taorminese dell’assessore Strano. “E’ già pronto –annuncia, infatti- un posto di primo piano tra i collaboratori dell’assessorato- per un altro consigliere comunale di Taormina, Salvo Cilona. E’ questa una notizia che avevo già annunciato appena insediatomi. Cilona è un imprenditore turistico ed ha maturato esperienze nel campo dell’amministrazione pubblica come assessore provinciale ai Lavori Pubblici e come assessore comunale al Turismo a Taormina. Ha, a mio avviso, tutte le credenziali per seguire alcuni dei più importanti programmi turistici regionali e, soprattutto, quelli che vedono protagonisti Taormina, il suo comprensorio e la provincia di Messina”. E non è finita qui. Pare proprio che Taormina sia uno dei bacini sui quali Nino Strano punta per completare, secondo i suoi programmi ed il suo modo di intendere l’assessorato al Turiamo nei prossimi anni, l’organigramma della struttura di via Notarbartolo. “E’ evidente che Taormina ed il suo hinterland rappresentano il punto di riferimento per il turismo siciliano. Credo, pertanto, che proprio qui –spiega- si possono trovare professionalità giuste. Una parte della struttura tecnico-amministrativa, pertanto, sto cercando di selezionarla proprio in questa parte della Sicilia. Chiaro, però, che in Sicilia non mancano persone di esperienza nel campo specifico. Nel complesso, quindi, spero di contare su consulenti ed esperti capaci di seguire bene il settore e di saper interpretare le necessità del comparto turistico nel quadro delle politiche turistiche del governo regionale”. –Come intende muoversi il suo assessorato nel prossimo futuro? “E’ in corso –spiega Strano- una valutazione complessiva delle volontà politiche regionali. Per l’immediato, c’è da avviare la stagione dei Por. Per i programmi operativi regionali –continua- sono stati presentati centinaia di progetti: vanno tutti valutati per cercare di varare quelli più validi e capaci di dare soluzioni nuove e problemi vecchi e nuovi che riguardano il turismo siciliano”. Una parte di questo lavoro sarà effettuato dall’assessorato anche grazie alla collaborazione di esperti di Taormina.

Leave a Response