Danza. Roberto Bolle incanta il pubblico taorminese

TAORMINA – Doveva essere una serata all’insegna della grande danza è così è stato. Oltre 4mila 500 spettatori sono rimasti incantati dalla magia dei passi di Roberto Bolle. Il primo ballerino della Scala di Milano, al Teatro Antico di Taormina, ha estasiato il selezionato pubblico che non ha voluto perdere l’avvio del suo tour italiano. Un momento di grande intensità artistica questo che solo Taormina Arte, grazie all’impegno del suo direttore artistico, Enrico Castiglione, è riuscito ad organizzare per la gioia di un vasto pubblico di appassionati e turisti. Il “Gala Roberto Bolle & Friends” ha avviato il ciclo degli spettacoli di musica e danza della kermesse taorminese. Il massimo dell’intensità si è sicuramente vissuta quanto è apparsa in scena la danzatrice e pittrice Simona Atzori, ballerina amata dal compianto Candido Cannavò, che ha ispirato un capitolo del suo libro “ E li chiamano disabili”, la Atzori si è esibita davanti ai migliaia di spettatori, con un intenso pezzo che ha unito queste due arti. Bravi tutti gli altri ballerini che si sono alternati in scena  i quali rappresentavano il meglio del panorama della danza europea. Al termine della performance la presentatrice di Taormina Arte, Daniela Di Leo, ha dato il via alla cerimonia di consegna del premio “Atzori”. Al Teatro Antico, alla presenza della maestra di danza spagnola, Franca Roberto, moglie, appunto, dello scomparso direttore della “Gazzetta dello Sport” è stato consegnato al simbolo della danza italiana nel mondo, un quadro da lei realizzato esclusivamente usando i suoi magici piedi. Un siparietto finale questo che ha concluso con l’ennesima ovazione uno spettacolo di quelli da non dimenticare.

Leave a Response