Taormina. Cgil: “Il Teatro Antico è mal custodito”

TAORMINA – Al Teatro antico si preannuncia un’altra stagione calda di proteste e manifestazioni del personale di custodia. Ad annunciarlo è la Funzione pubblica della Cgil di Messina attraverso le parole della sua segretaria generale, Clara Crocè, che ne spiega le motivazioni: “Come si può pensare di garantire la custodia, la sicurezza e la pulizia del Teatro durante l’intensa stagione degli eventi legati a Taoarte con le stesse unità di personale impiegate d’inverno?”, chiede Crocè che poi spiega: “Si prova a farlo con turnazioni estenuanti ma il risultato non è certo dei migliori”.
Da anni la Funzione pubblica della Cgil di Messina conduce una battaglia per la valorizzazione e la tutela di una delle principali mete del turismo siciliano oggi “mal custodito” a causa della grave carenza di personale che in estate, in concomitanza con il cartellone di Taormina Arte e quindi con l’eccezionale afflusso di visitatori-spettatori, si fa più acuta. In passato, proprio Clara Crocè, al tempo non ancora segretaria generale della categoria ma responsabile di settore, aveva siglato  un accordo con l’assessore al ramo Lino Leanza. Oggi la Funzione pubblica della Cgil di Messina torna all’attacco e chiede nuovamente all’assessore Lenza di dare corso a quell’accordo autorizzando la turnazione del personale di fascia “A” nelle more della stabilizzazione che deve avvenire entro il 2009.
“Il nostro obiettivo – spiega Crocè – è non solo quello di ottenere un’organizzazione del lavoro corretta ma anche quello di salvaguardare il Teatro di Taormina. Su queste richieste siamo pronti ad organizzare eclatanti iniziative di protesta perché non è ammissibile – conclude Crocè -che anno dopo anno la situazione si ripresenti con tutte le sue difficoltà e non si intervenga mai a sanarla”.

Leave a Response