Furci. L’assessore Foti si dimette e poi ci ripensa

Carmelo Caspanello

FURCI SICULO – Dimissioni lampo, durate l’arco di una giornata e subito rientrate, al Comune di Furci Siculo. L’assessore Francesco Foti aveva rimesso la delega alla Viabilità nelle mani del sindaco, Bruno Parisi, in seguito ad una serie di discordanze all’interno dell’esecutivo legate al piano viario. Foti lavora da mesi alla riorganizzazione della viabilità, che interesserà buona parte del paese e sperava che il piano potesse entrare in vigore in questo primo scorcio di estate. Ma così non è stato e, magari pensando che le sue idee fossero state definitivamente cassate, Foti ha pensato di rimettere la delega. “Le dimissioni sono state subito respinte – taglia corto il sindaco, Bruno Parisi – e il piano si farà e partirà in un periodo dell’anno più consono, in autunno”. Il primo cittadino ha parlato di “un piano molto complesso, pertanto riteniamo che un radicale stravolgimento della viabilità cittadina avrebbe comportato, in questo periodo dell’anno in cui la confusione è maggiore, notevoli disagi”. Le innovazioni principali contenute nell’elaborato stilato da Francesco Foti, che ha incassato anche il placet dei vigili urbani, riguardano l’introduzione del senso unico nella popolosa via Cesare Battisti, che taglia in due il paese dalla spiaggia alla collina ed in via Roma, l’arteria parallela alla Statale 114 in cui sorge il Municipio. L’idea ha riscontrato anche il favore dei cittadini. Se ne riparlerà ad ottobre. “In realtà il piano è articolato – evidenzia l’assessore Foti – e deve essere sperimentato sul campo. Di qui la decisione democratica della Giunta, anche se accompagnata da un momento dialettico forte, di rinviare tutto in un periodo dell’anno più tranquillo”. I cittadini attendono con pazienza. Specialmente quanti risiedono in via Cesare Battisti. Una strada particolarmente trafficata in quanto si snoda dal centro del paese all’area in cui negli ultimi 20 anni si è registrata l’espansione della cittadina jonica, comprese le frazioni di Grotte e Calcare. Ma parliamo di una strada stretta in cui due auto, anche di piccola cilindrata, quando si incrociano, transitano a stento. Una soluzione, agognata da anni dai residenti, va trovata. Simile situazione nella centrale via Roma, incapace ormai di sopportare il doppio senso di marcia. Il senso unico, inverso a quello della Statale, consentirebbe certamente di rendere più fluido il traffico in tutto il centro cittadino.

Leave a Response