Roccalumera. Tutti d’accordo su mozioni della minoranza

Carmelo Caspanello

ROCCALUMERA – In un paese in cui gli scontri politici, dai toni aspri, rappresentano il denominatore comune delle riunioni consiliari, l’approvazione all’unanimità di tutti gli argomenti iscritti all’ordine del giorno dell’ultima seduta del civico consesso ha destato scalpore. A maggior ragione, se si considera che si tratta di mozioni proposte dalla minoranza. Non capita tutti i giorni. Forte del risultato incassato, il consigliere Natia Basile, a nome dell’opposizione, ha presentato in aula ulteriori mozioni e interrogazioni da discutere in una prossima riunione. Il capogruppo Giuseppe Campagna ha annunciato che chiederà una convocazione urgente. Le mozioni riguardano l’intervento per la derattizzazione, la deblattizzazione e la disinfestazione del centro abitato” e “il materiale di risulta abbandonato negli alvei dei torrenti”. L’interrogazione, invece, si riferisce “agli interventi urgenti necessari a scongiurare il pericolo, serio ed imminente, di gravi incendi” a causa di sterpaglie in luoghi, nei quartieri a monte del centro abitato, che vanno ripuliti e messi in sicurezza. Via libera alla mozione illustrata dal consigliere Andrea Vadalà sull’utilizzo di energia alternativa da fonti rinnovabili, quale quella fotovoltaica, su edifici e aree comunali. E’ stata prevista una campagna informativa per i cittadini che intendono sfruttare energia pulita con notevoli tagli, tra l’altro, sulla bolletta. E’ passata anche la mozione sul “mancato recapito delle bollette Enel, segnalato da diversi utenti roccalumeresi – ha sottolineato il capogruppo Campagna – con aggravi di costi per i cittadini e le imprese a titolo di mora e riattivazione del servizio”. Il Consiglio ha deciso di trasmettere gli atti inerenti il presunto disservizio “alle autorità competenti”. L’assemblea, su proposta di Natia Basile, si è occupata anche della messa in sicurezza e del potenziamento delle aree attrezzate per bambini, anziani e famiglie. “Siamo soddisfatti – ha dichiarato il capogruppo Campagna – poiché tutto il Consiglio ha riconosciuto che le nostre proposte erano valide. Sono stati accolti anche alcuni emendamenti del capogruppo di maggioranza Rita Corrini – evidenzia Campagna – che hanno contribuito a migliorarne ulteriormente i contenuti delle nostre proposte”. Il sindaco, Gianni Miasi, al termine dei lavori, si è formalmente scusato con i consiglieri di minoranza per non aver risposto, nei termini previsti dal regolamento consiliare, ad alcune interrogazioni.

Leave a Response