Giardini. Controlli antidroga dei Cc: un arresto

GIARDINI NAXOS – Proficuo servizio di prevenzione quello attuato dai carabinieri della Compagnia di Taormina che nello scorso fine settimana sono stati impegnati con oltre 15 militari nelle località di maggiore afflusso turistico della riviera jonica. Particolare attenzione è stata posta verso i centri di Taormina e Giardini Naxos, che da diversi giorni sono meta di migliaia di giovani vacanzieri alla ricerca di divertimento e spensieratezza. I militari delle stazioni carabinieri e gli equipaggi del Nucleo radiomobile, coordinati dalla centrale operativa di Taormina, sono stati posizionati sulla rete viaria principale (strade statali e svincoli autostradali). I carabinieri si sono serviti di apparecchiature tecniche, come per esempio gli etilometri, accertando i livelli di tasso alcolemico degli automobilisti. Nello specifico sono state elevate ben 25 contravvenzioni e sono state ritirate nove patenti di guida.
Hanno invece operato nei vari locali della riviera, al fine di garantire la sicurezza del “popolo della notte”, i militari della stazione carabinieri di Giardini Naxos, che proprio nella cittadina naxiota, hanno tratto in arresto Michele Abbate, nato a Modica (in provincia di Ragusa), 27 anni. Il giovane è stato fermato all’esterno di un noto locale dopo che i suoi spostamenti era stati messi sotto osservazione dai carabinieri. I militari dell’Arma sono intervenuti quando il giovane, vistosi braccato, si è disfatto di un involucro dove aveva nascosto ben 75 pasticche di “ecstasy”, otto grammi di “hashish” ed un proiettile cal. 9 lugher. Lo stupefacente è stato posto in sequestro unitamente al denaro – 105 euro – detenuto dal giovane e considerato provento dell’attività illecita. Inoltre, a seguito della successiva perquisizione domiciliare nell’abitazione di Riposto (Ct), i carabinieri hanno rinvenuto, abilmente occultati all’interno di un armadio, ulteriori 183 pasticche di “ecstasy” e trentatre grammi di “hashish”.
Con l’accusa di detenzione a fini di spaccio, Michele Abbate è stato quindi arrestato e tradotto presso il carcere di Messina Gazzi. Nel corso della stessa attività di servizio, i carabinieri hanno inoltre denunciato a piede libero una ragazza, N.A., 39 anni, di Catania, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo “hashish”.

Leave a Response