Taormina. Vicino al Corso un… Tocco di spazzatura

TAORMINA (Messina) – Nessuno la vede, nessuno la rimuove. Resta li, in pieno centro di Taormina, per oltre 18 ore al giorno, sino a quando, la mattina alle 6, non la raccolgono gli addetti al servizio di NU. Ma la “pulizia” non dura più di tre ore: dalle 9 circa, il cassonetto posto all’imbocco di piazza del Tocco (ad un metro da Palazzo Duchi di Santo Stefano, dall’ufficio postale, a dieci dal posteggio di Porta Catania centro di arrivo di oltre il 60 per cento dei turisti-visitatori che arrivano in città) torna un ricettacolo puzzolente ed antiestetico .Si tratta di uno degli angoli più “ammirati” della città. La foto, che pubblichiamo l’ha scattata un nostro lettore che ha poi deciso di inviarla a Tele90; è solo un piccolissimo esempio di cosa è piazza del Tocco, tutti i giorni e per la gran parte dei 365 giorni dell’anno, compresa la notte quella dedicata agli appassionati della movida. La spazzatura, a ridosso di alcuni monumenti della città è una realtà con la quale Taormina (la città del turismo che dovrebbe fare di tutto per garantire la sua immagine) convive da anni, troppi. Quell’angolo del centro storico resta sporco e maleodorante e nessuno interviene. Le soluzioni? Ci sono: basterebbe che i vigili urbani controllassero la zona per scoraggiare i maleducati che non rispettano i regolamenti comunali; più facile sarebbe disporre che gli addetti di MessinAmbiente badassero a svuotare, periodicamente, quell’antiestetico cassonetto così come fanno, sino a tarda sera, sul Corso. Basterebbe far deviare il mezzo per la raccolta rifiuti di non più di tre metri. Insomma basterebbe poco, veramente poco per sanare un gravissimo sconcio. Basterebbe solo che i responsabili del servizio NU e gli amministratori si rendessero conto che il cassonetto di Piazza del Tocco si trova, di fatto, sul Corso, la strada più in di Taormina.

Leave a Response