Regione. Accordo raggiunto Berlusconi-Lombardo

La ragione dei siciliani ha avuto la meglio. A Palermo la politica riparte con la ‘’benedizione’’ del premier  Silvio Berlusconi  che con il presidente Raffaele Lombardo ha trovato una intesa al termine del colloquio romano di ieri sera durato circa due ore. Berlusconi, infatti, ha accettato la nuova composizione della Giunta voluta da Lombardo. Due dei tre assessorati ancora da assegnare nel governo-bis di Lombardo sono andati ai messinesi Santi  Formica (ex An) e Nino Beninati (ex Forza Italia, vicino alle posizioni del ministro Alfano), il terzo sarà indicato dall’Udc, che dovrebbe puntare sull’ex presidente della Fondazione Bds Puglisi. Confermati gli altri assessori in precedenza nominati da Lombardo: Titti Bufardeci, Michele Cimino (gruppo Micciché) e i  tecnici Caterina Chinnici, Gaetano Armao e Marco Venturi. Nel corso dell’incontro Berlusconi si è impegnato di far ritirare la proposta presentata al Senato con la quale, una volta approvata, si poteva sfiduciare il presidente Lombardo lasciando invece al loro posto i deputati dell’Ars. Lombardo, inoltre, ha affrontato con il premier l’argomento dei Fondi Fas non ancora assegnati alla Sicilia, A breve, sulla questione, sarà fissata una riunione tra Lombardo e il ministro dell’Economia Tremonti.

Leave a Response