Svincolo A-20 danneggiato per lavori privati, 3 arresti

MESSINA – Con l’accusa di falso ideologico, la Polizia ha arrestato tre persone nell’ambito dell’inchiesta sul danneggiamento alla rampa di accesso all’autostrada Messina-Palermo, sul viale Boccetta, nel corso di opere di realizzazione di una privata abitazione. A finire ai domiciliari, il dirigente della Provincia regionale di Messina, Benedetto Sidoti Pinto, 59 anni, Giuseppe Termini (64) progettista e direttore dei lavori ed il consulente tecnico Antonio Teramo (58). I tre sono anche indagati per concorso in abuso di ufficio ed omesse comunicazioni al Genio civile oltre che per concorso in attentato alla sicurezza. Nel corso della conferenza stampa alla questura di Messina il procuratore capo Guido Lo Forte ha parlato di “un fatto dalla gravità inaudita e incredibile per le conseguenze riportate ad una struttura pubblica in seguito interessi privati”. Lo scorso marzo la rampa dell’A-20 era stata posta sotto sequestro per motivi di sicurezza”.

Leave a Response