Tagli alla scuola, mozione di 4 deputati messinesi

MESSINA – Una mozione per impegnare il Governo regionale  “ad intervenire presso il Governo nazionale affinché siano recuperate immediatamente le somme sottratte alla scuola pubblica” è stata presenta dai parlamentari regionali messinesi Franco Rinaldi (primo firmatario) e Filippo Panarello del PD, Giovanni Ardizzone dell’Udc e Fortunato Romano dell’Mpa. La richiesta mira a limitare le disastrose conseguenze della nuova normativa che si abbatteranno sulla scuola già dal prossimo anno scolastico. “In Sicilia – si legge nella mozione – sull’organico di diritto, si taglieranno 1491 posti nella scuola primaria, 2068 nella secondaria di primo grado, 1438 nella secondaria di secondo grado e 23 dirigenti scolastici, mentre sono ancora da definire i tagli sull’organico di sostegno, ma anche in questo caso si preannunciano forti disagi, non solo per i docenti, ma anche per le famiglie e gli alunni con gravi disabilità; nella sola provincia di Messina ci sarà una catastrofica riduzione dei posti di lavoro con 193 docenti di ruolo senza sede nella scuola primaria, 165 nella scuola secondaria di primo grado, 177 cattedre in meno nella scuola secondaria di secondo grado con la conseguenza che 132 docenti perderanno il posto”. I parlamentari chiedono, inoltre, “che si avvii un serio progetto di riforma attraverso l’attuazione di politiche scolastiche che mirino ad un innalzamento della qualità dell’istruzione e ad una maggiore sicurezza degli edifici scolastici attraverso opportuni investimenti e non tagli generalizzati e dannosi che penalizzano fortemente soprattutto la Sicilia”.

Leave a Response