Taormina. Ztl, slitta al 2010 l’entrata in vigore?

Giuseppe Monaco

TAORMINA – Si può parlare, ormai, di “giallo delle zone a traffico limitato”. Non si sa più, infatti, quando saranno messe in funzione le cinque telecamere che dovranno tenere sotto osservazione gli ingressi in città e “fotografare” le auto prive di pass e che, di conseguenza, non sono autorizzate a circolare nelle strade dove è in funzione la ztl, vale a dire il divieto di accesso dei residenti o delle auto munite di particolari permessi. Per i trasgressori la multa scatterà automaticamente ed in maniera asettica, senza l’intervento dei vigili urbani. Palazzo dei Giurati non ha modificato, ufficialmente, nessuna delle indicazioni fornite all’atto del lancio del progetto. Stando a quelle notizie, diffuse con grande enfasi, le telecamere del “grande fratello” dovrebbero funzionare entro luglio. Vuol dire che nel cuore dell’estate scatteranno controlli più accurati sulla circolazione delle auto nel centro urbano. Nessun amministratore ha fatto dichiarazioni di tipo diverso. “Con questo sistema –dicono in Comune- la città potrà essere più ordinata e più vivibile”.Come più volte dichiarato dagli amministratori: “Non è stata prevista nessuna modifica al piano della viabilità. Con le tv si vuole solo effettuare una vigilanza più attenta nelle strade nelle quali i divieti sono già esistono in base a regolamenti e ordinanze sindacali mai revocati”.  Per iniziare le operazioni di rilevazione automatica delle auto mancano: la firma del contratto con la ditta che ha vinto l’appalto e alcune autorizzazioni amministrative. “Cose che dicono gli amministratori si possono ottenere in poche settimane”. Questo vuol dire che i tempi fissati potrebbero essere rispettati. In ogni caso le telecamere comunali continuano a determinare fibrillazioni tra i commercianti che temono che il previsto giro di vite possa frenare, in quest’estate di crisi turistica, il movimento dei visitatori e dei loro clienti. Per questo continuano a chiedere riunioni chiarificatrici, vertici e soprattutto rinvii. L’ultima dichiarazione di questo tipo è quella rilasciata recentemente da Franco Parisi, presidente degli imprenditori taorminesi. Ha ipotizzato una sorta di “prova” in coincidenza con le feste di fine anno e, dopo una serie di valutazioni, il lancio definitivo del progetto nei primi mesi del prossimo anno. A questo punto non si capisce più nulla: sono in ballo due soluzioni, due possibilità. A questo punto sarebbe opportuno che Palazzo dei Giurati rompesse gli indugi per dare un’indicazione precisa su quanto avverrà. Il piano ztl scatterà nel corso di quest’estate oppure nel 2010?

Leave a Response