Controlli e sequestri in due radio della riviera jonica

La Brigata della Guardia di Finanza di Alì Terme, nell’ambito delle attività volte alla repressione della pirateria audiovisiva nelle emittenti radiofoniche, ha controllato due stazioni radio, che operano lungo la fascia jonica della provincia di Messina. Sono stati posti sotto sequestro complessivamente 2.135 file musicali abusivamente duplicati ed illegittimamente utilizzati per la diffusione via etere da “Europa Radio” di Santa Teresa di Riva e “Radio Phenomena” di Furci Siculo. I rappresentanti legali delle emittenti, G.P., di 46 anni, e F.S, di 51, residenti rispettivamente a S. Teresa di Riva e Roccalumera, sono stati denunciati all’Autorità giudiziaria per le violazioni previste dalla normativa inerente alla protezione del diritto d’autore e gli altri diritti connessi al suo esercizio. Le emittenti interessate hanno, peraltro, manifestato la volontà di regolarizzare le rispettive posizioni nei confronti della Siae. Le vigenti norme prevedono che le emittenti, utilizzando repertorio musicale protetto, sottoscrivano una specifica licenza alla diffusione via etere rilasciata dalla Siae e corrispondano, sulla base dei dati desunti  dal conto consuntivo annuale, i compensi dovuti. La sinergica azione promossa sul territorio, oltre ad inibire le utilizzazioni abusive di brani musicali, ponendo l’attenzione degli operatori sulle possibili conseguenze penali ed amministrative, assicura una maggiore sensibilità degli stessi riguardo al rispetto dei legittimi interessi dei creatori delle opere dell’ingegno. L’operazione è stata effettuata lo scorso 11 giugno congiuntamente a funzionari delle sedi Siae di Palermo e Messina e dei servizi di antipirateria della Direzione generale della società con sede a Roma.

Leave a Response