Scaletta. Nuovo stop al recesso dall’Unione dei Comuni

SCALETTA ZANCLEA – Nuovo stop dal Consiglio comunale alla proposta di recesso dall’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani avanzata dalla maggioranza del sindaco Mario Briguglio. Il voto contrario dell’opposizione ha fermato per la seconda volta l’iter per la fuoriuscita di Scaletta Zanclea dall’organismo sovracomunale, formato al momento da 14 Comuni jonici. Ma ormai è solo una questione di tempo. Dalla prossima seduta, infatti, per l’approvazione della proposta di recesso non sarà più necessaria la maggioranza qualificata del Consiglio: basterà la maggioranza assoluta. Durante l’ultima seduta, al termine di un articolato confronto tra maggioranza e opposizione, la delibera non è passata in virtù dei 5 voti contrari espressi dalla minoranza (7, invece, i voti a favore del gruppo maggioritario). “Riteniamo che questa scelta – ha sottolineato il consigliere Gabriele Avigliani, che è anche uno dei tre rappresentanti di Scaletta in seno al Consiglio dell’Unione – possa penalizzare eccessivamente il nostro Comune. E’ un passo azzardato e si rischia l’isolamento dal resto della riviera. Tra l’altro, non è detto che con la nuova Unione a due, che andremo a stipulare con il Comune di Itala, riusciremo a ottenere contributi”. “L’Unione con Itala – ha replicato il capogruppo di maggioranza, Pietro D’Arrigo – è la scelta più logica, soprattutto per ottimizzare i servizi ottenendo delle economie di gestione. Non dimentichiamo che dall’Unione dei Comuni Valli Joniche, in tanti anni, non abbiamo avuto nessun beneficio. Per noi, poi, è anche una questione etica. Va ricordato che durante la chiusura della SS114 non abbiamo ricevuto alcun supporto dell’Unione”. A D’Arrigo ha replicato il capogruppo di opposizione, Francesco Grungo: “Penso invece che la nostra emarginazione – spiega – dipenda dal fatto che negli ultimi anni i nostri amministratori non ci hanno ben rappresentato all’interno dell’Unione. Bisognava aspettare ancora qualche tempo prima di valutare la nostra fuoriuscita”.

Leave a Response