Giardini. Alla messinese Scionti il trofeo “Anfitrite”

GIARDINI NAXOS – Atletica messinese, in campo femminile, in grande evidenza al primo trofeo “Anfitrite”. Il sodalizio, presieduto da Mario Roma, ha organizzato una gara podistica di interesse regionale. La partenza è avvenuta puntualmente alle 9,30 al porto di Schisò nella cornice di una splendida giornata di sole che ha messo in risalto anche lo sfondo innevato dell’Etna. Gli atleti hanno effettuato un percorso che ha toccato le vie Apollo Arcageta, Recanati, Larunchi, Stracina e Vulcano. In tutto circa otto chilometri al termine della quale si sono aggiudicati i primi tre gradini del podio, in campo maschile, nell’ordine: Adil Lyazali (marocchino che corre per una società di Agrigento), Francesco Duca (Lamezia Terme)e Filippo Lo Piccolo (Lamezia Terme). Tutto targato “Città dello stretto”, invece, il podio “in gonnella” che ha visto prevalere, su tutte, la prepotente preparazione atletica della messinese Katia Scionti. Si sono classificate seconda e terza, invece, rispettivamente Letteria Silvestro e Maria Barresi, entrambe concittadine della vincitrice. Alla fatica sportiva che intendeva valorizzare non solo lo spirito puro dell’atletica ma anche quei principi dello sport che non sono mai tramontati, hanno preso parte circa 150 atleti provenienti da tutte le località siciliane e calabresi. La cerimonia di premiazione si è svolta sotto il tempietto greco del porto di Schisò  alla presenza del presidente provinciale della Fidal, Costantino Crisafulli. Impeccabile l’organizzazione di Carmelo Mobilia, presidente del “Marathon club di Taormina” che ha collaborato alla riuscita della competizione con “Anfitrite”. Al tavolo della premiazione, oltre a Roma, si è trovato il responsabile del sodalizio, Totò Muscolino e gli altri rappresentanti dell’associazione come il vice presidente, Maria Giovanna Testa. “E’ stata una bella iniziativa – ha commentato Roma – questa giornata di sport è stata allietata anche dal bel tempo. E’ sembrato quasi che i vecchi Dei dell’età classica ci abbiano dato una mano in questa terra dove loro sono di casa”. La gara si è svolta, appunto, sotto l’egida della Fidal che ha, poi, stilato le varie classifiche di categoria tra uomini e donne. La manifestazione ha ottenuto il patrocinio dell’assessorato regionale al Turismo, Comunicazioni e Trasporti e di Palazzo dei Naxioti, la casa municipale giardinese. I premi, infine, sono stati offerti dal Comune di Taormina che non ha voluto dimenticare di dare una mano alla manifestazione.”Anfitrite” si è distinta in questi giorni anche per avere affrontato argomenti di interesse regionale. Come si ricorderà si è svolto un interessante convegno che voleva trovare una soluzione, non solo a Giardini ma anche nell’intera regione siciliana, al flagello delle palme, il “Punteruolo Rosso”. La sua attività proseguirà nei prossimi giorni con altre iniziative di prestigio tra sportive e culturali.

Leave a Response