Fiumedinisi. Muro nel fiume, interviene l’on. Panarello

FIUMEDINISI – Il deputato regionale del Pd, Filippo Panarello, interviene sulla vicenda della realizzione del muro d’argine in cemento armato in un tratto del torrente Nisi che, secondo i consiglieri d’opposizione di Fiumedinisi e le associazioni ambientaliste Wwf e Fare Verde, sarebbe difforme al progetto originale. Panarello ha rivolto una interrogazione al presidente della Regione e all’assessorato Territorio ambiente con la quale evidenzia che il progetto è volto al “ripristino di difese spondali che pare non esserci mai state nel torrente Fiumedinisi e che la tipoloogia degli interventi attuati appare obsoleta (non viene attuata in Sicilia da molti anni) e di dubbia utilità e invasivi dal punto di vista ambientale e paesaggistico”.
L’on. Panarello sottolinea poi che la ”costruzione dell’alveo comporta evidenti rischi di esondazione del torrente con conseguente pericolo per il limitrofo centro abitato”. Nell’interrogazione il deputato messinese fa cenno inoltre che l’opera, assieme ad altre programmate dall’amministrazione comunale del sindaco Cateno De Luca, ”possono provocare una possibile alterazione del regime idrico superficiale con conseguenti rischi di dissesto idrogeologico”
Panarello sottolinea che gli ”interventi nell’alveo del torrente Fiumedinisi hanno creato comprensibile preoccupazione nell’opinione pubblica di un territorio rivelatosi particolarmente vulnerabile perché in diverse occasioni, i responsabili della Protezione civile e le massime autorità regionali hanno invocato maggiore rigore e rispetto dell’ambiente e del paesaggio da parte degli amministratori local inella realizzazione di opere pubbliche e di edifici”.
”LAssessorato regionale Territorio e ambiente investito della vicenda – evidenzia nell’interrogazione l’on. Panarello –  pare si sia limitato a rilevare irregolarità formali senza valutare adeguatamente l’impatto ambientale delle opere programmate” per cui chiede di saere ”se non valutino necessario promuovere un’accertamento rigoroso del predetto intervento sotto il profilo dell’utilità pubblica, dell’impatto ambientale, degli effetti sul paesaggio al fine di rassicurare la comunità di Fiumedinisi e della zona circostante rispetto alla preoccupazione diffusa che le opere previste o in corso di realizzazione possano compromettere  l’assetto idrogeologico del territorio e determinare , in caso di eventi alluvionali, gravi rischi per la popolazione”.

 

Leave a Response