Taormina. Mensa scolastica, sospeso il servizio

TAORMINA – Dopo meno di 10 giorni d’attività, la mensa scolastica di Taormina è stata sospesa. Lo ha deciso il sindaco, Mauro Passalacqua, che ha firmato un’ordinanza con la quale contesta alla società appaltatrice, con sede a Mascali in provincia di Catania, una serie di inadempienze e la mancanza di certificazioni previste dalla legge in materia di sicurezza e salubrità dei prodotti serviti ai bambini. La decisione costringe da oggi i genitori degli alunni delle scuole a provvedere direttamente ad assicurare i pasti. Gli scolari taorminesi, insomma, hanno dovuto “ripescare” cestini e portavivande, retaggi di tempi che si ritenevano superati. Una condizione che potrebbe protrarsi per alcune settimane. Il primo cittadino, come dice l’ordinanza, resta in attesa che: “La ditta appaltatrice esibisca tutta la documentazione prevista dalle disposizioni di legge”. Il funzionari del comune, nel corso di un sopralluogo effettuato nei locali adibiti a mensa, hanno accertato che il servizio è: “Gravemente pregiudicato a causa di una serie di gravi inadempienze ed in particolare: mancanza di certificazione riguardante le procedure sui principi del sistema HCCP previsto dal decreto legislativo 852/04 articolo 5: mancanza certificazione di formazione del personale come previsto dal capitolo XII dello stesso decreto”. Secondo Passalacqua: “La mancata certificazione è indispensabile a garantire la sicurezza e la salubrità dei prodotti alimentari che vengono somministrati ai bambini”. Il sistema HCCP fa parte del “pacchetto igiene” che deve essere attuato quando si organizzano e gestiscono servizi che prevedono la manipolazione di generi alimentari e la gestione di mense.  E’ per questo motivo che nella sua ordinanza, Passalacqua scrive che al momento del sopralluogo non esistevano: “I requisiti per garantire la sicurezza e la salubrità dei prodotti alimentari utilizzati e somministrati nella mensa scolastica di Taormina centro e delle frazioni”.

Leave a Response