Sanità. Russo: “Nessuna nuova assunzione nel 118”

PALERMO – “L’Assemblea regionale sta facendo un ottimo lavoro, riuscendo a recepire nel testo di legge di riordino del sistema sanitario il contributo positivo di tutte le forze politiche rappresentate in Aula. Sono certo che martedì sarà finalmente varata una legge fortemente innovativa, capace di disegnare un servizio sanitario più efficiente e moderno e al tempo stesso di dare risposte certe e concrete alle pressanti esigenze di un robusto contenimento dei costi”.
Lo ha detto l’assessore regionale alla Sanità, Massimo Russo, dopo l’approvazione di altri due articoli importanti della legge, quello sulla riorganizzazione del 118 e sui rapporti con le strutture convenzionate esterne.
“A fronte di un lavoro minuzioso – ha proseguito Russo – tutto finalizzato a migliorare la qualità del servizio di emergenza-urgenza del 118, a dare una impostazione adeguata in linea con i rilievi che sono stati avanzati dalla Corte dei Conti  e ad abbattere i costi, stona l’erronea interpretazione della norma varata che qualcuno ha dato, forse nella concitazione della giornata.   Non è prevista nessuna nuova assunzione, l’ipotesi ventilata è priva di fondamento e chiaramente in contrasto con l’attuale blocco delle assunzioni.
 La realtà invece è un’altra, e cioè che la riforma del servizio di emergenza e urgenza produrrà risparmi valutabili intorno ai 30 milioni di euro all’anno perché ci consentirà di azzerare le indennità di straordinario che finora hanno pesato per circa 50 milioni di euro all’anno e che sono state pagate a quanti hanno in pratica svolto un doppio lavoro per coprire i turni sulle ambulanze.
 Il personale medico e infermieristico necessario a medicalizzare un congruo numero di ambulanze sarà invece reperito all’interno del sistema sanitario che, dopo il processo di riorganizzazione della rete ospedaliera, farà registrare degli esuberi. Il personale dedicato, scelto con apposite graduatorie, sarà adeguatamente formato e permetterà un servizio ancora più professionale”.

Leave a Response