Castelmola. Il sindaco sfiducia il suo vice D’Agostino

CASTELMOLA – Il sindaco, Antonietta Cundari, ha defenestrato il suo vice, Angelo D’agostino e si annuncia già una profonda crisi nel gruppo di maggioranza. Il primo cittadino molese ha fatto ricorso ad una determina per mandare a casa D’Agostino perché sarebbe venuto meno il rapporto di fiducia. «Rilevato – si legge tra le motivazioni della Cundari – che nonostante la quotidiana presenza nella casa municipale, l’attività del vice sindaco è stata poco consistente e poco incisiva a fronte della mole dei problemi politico-amministrativi da affrontare e delle risposte da fornire all’utenza ed alla cittadinanza, problemi dei quali ha avuto sempre piena conoscenza».
D’Agostino, accusa, dal canto suo l’amministrazione attiva di una sorta di «mobbing politico». «Questa amministrazione è finita – ha detto D’Agostino – sono stato sempre presente alle problematiche della città ma non ero invitato alle riunioni dove poter confrontare le mie istanze con quelle degli altri. Devo sottolineare che, comunque, il rispetto della persona era alla base della campagna elettorale ora, con questa azione, quel valore è stato definitivamente calpestato». In sostanza un autentico ciclone politico sta investendo l’incontrastata egemonia del sindaco Antonietta Cundari. Si stanno già attivando le forze politiche che facevano riferimento proprio a D’Agostino. Potrebbe verificarsi anche un accordo tra parti della maggioranza e “vecchia” minoranza nel piccolo centro molese. Della questione si discuterà in sede di Consiglio comunale e negli ambienti politici locali. Si parla già del sostituito di D’Agostino. In alcuni ambienti circola il nome di Antonio D’allura ma non c’è ancora nessuna confermata anche perché, stando agli accordi elettorali, quell’incarico era appannaggio del gruppo che fa riferimento proprio all’ex numero due della Cundari. Nel frattempo Castelmola deve fare i conti con numerose problematiche, non ultima – e lo dice lo stesso sindaco – la gravità in cui versano le casse comunali.

Leave a Response