Messina. A18 e A20, le strade più pericolose in Sicilia

MESSINA – Stamane in Consiglio provinciale è stata approvata all’unanimità la mozione presentata dal  consigliere provinciale Matteo Francilia, capogruppo UDC-Centro con D’Alia, in merito ai gravi disagi in cui incorrono giornalmente gli automobilisti che percorrono la A/18 Messina–Catania e la A/20 Messina-Palermo.
La mozione impegna il presidente della Provincia regionale, on. Nanni Ricevuto, ad intervenire presso le autorità competenti affinché vengano rimosse le condizioni di pericolo determinate dalla omessa manutenzione e vengano, pertanto, assunte senza indugio tutte le azioni volte a tutelare gli utenti delle autostrade A/18 ed A/20.
L’aspetto eclatante dell’approvazione odierna è rappresentato dall’impegno, che viene richiesto dal Consiglio provinciale al presidente Ricevuto, nella qualità di legale rappresentante della Provincia regionale, socio del Consorzio Autostrade Siciliane, di invitare il CAS a sospendere l’esazione del pedaggio autostradale agli utenti fino a quando le condizioni di sicurezza delle autostrade A/18 (nella tratta Giardini Naxos-Messina) ed A/20, non saranno conformi agli standards di sicurezza previsti dalla legge, al fine di garantire l’incolumità degli utenti.
“I tratti autostradali A/18 Messina-Giardini Naxos e la A/20” – dichiara il consigliere Matteo Francilia – “rappresentano due tra le arterie più pericolose della rete viaria siciliana. Ogni giorno i mezzi degli  automobilisti subiscono ingenti danni a causa di buche sempre più profonde sull’asfalto, avvallamenti, precarietà della segnaletica orizzontale e verticale, luci inadeguate in galleria e carenze dello smaltimento delle acque nelle giornate di pioggia. Tutto questo mette a repentaglio l’incolumità dei cittadini che percorrono le reti autostradali, così come è avvenuto negli ultimi mesi in occasione di gravi incidenti, a volte anche mortali”.
Il consigliere Matteo Francilia, fortemente critico sull’operato del Consorzio Autostrade Siciliane, richiede, con decisione, un immediato e concreto intervento al fine di garantire l’incolumità degli utenti.
“Fino a quando non saranno messe in sicurezza i tratti autostradali A/18 Messina–Giardini Naxos e A/20 Messina-Palermo” – conclude  Francilia esprimendo soddisfazione per la decisione unanime presa oggi in Consiglio – “ritengo sia doveroso, quanto meno, non far pagare il pedaggio, altrimenti, insieme agli altri consiglieri provinciali, adotteremo forme incisive di protesta che porteranno anche all’occupazione ed alla chiusura delle autostrade”.

Leave a Response